Dall'app per trovare parcheggio al risparmio energetico: Dedagroup a Smart City Exhibition

Grazie all’app Streetline, l’automobilista sa in anticipo dove andare a parcheggiare, si fa guidare dal navigatore attraverso il percorso più breve e paga la sua sosta.

Pubblicata il: 24/10/2012 11:34

Redazione ImpresaGreen

C’è anche l’app per trovare parcheggio tra le numerose soluzioni proposte da Dedagroup ICT Network, realtà leader per le soluzioni tecnologiche per PA, banche e imprese, a Smart City Exhibition, l’evento organizzato da ForumPA a Bologna, dal 29 al 31 ottobre, che si pone come momento centrale di incontro e confronto nel trend che fa della politica per le città intelligenti una priorità europea e nazionale.
All’interno di uno stand animato, che per tre giorni sarà luogo di incontri e vera officina di idee, il gruppo presenterà le "smart city at work": attraverso un percorso interattivo ogni visitatore potrà effettuare un viaggio virtuale lungo le iniziative e le soluzioni proposte da Dedagroup, quasi un ’manuale’ dei passi necessari per guidare ogni centro urbano verso il modello di Città Intelligente.
Quello della Smart City è un sistema complesso, in cui la componente ICT gioca un ruolo fondamentale perché la chiave di volta è nell’intelligence dei dati: non solo nella raccolta, ma anche e soprattutto nella lettura e integrazione delle informazioni che arrivano da fonti diverse, per consentire una visione sistemica dei dati e l’ottimizzazione della gestione delle risorse nel suo complesso. Di fatto la tecnologia oggi rende possibile realizzare una città più vivibile, ecocompatibile, più smart: l’obiettivo può essere più o meno lontano, ma non è un progetto faraonico riservato solo ai grandi centri urbani. Il ruolo del soggetto pubblico in questo scenario è proprio quello di realizzare le infrastrutture abilitanti affinché il sistema si sviluppi, con il contributo di tutti gli attori.
Dall’integrazione del sistema informativo geografico con le procedure gestionali dell’ente, alla condivisione dei dati con le altre PA, sposando la logica dei Linked Open Data e degli Open Services; dalla dematerializzazione dei documenti e virtualizzazione delle procedure, alla valorizzazione delle potenzialità del web, dei social networks e del mobile per accrescere la capacità di interazione con i cittadini, fino all’utilizzo mirato delle informazioni meteo ai fini del risparmio energetico: le competenze integrate di Dedagroup ICT Network sono in grado di affiancare ogni realtà lungo un percorso, fatto di iniziative concrete e sinergiche fra loro, che costituiscono prerequisiti indispensabili per la realizzazione dell’infrastruttura IT e per un’efficace raccolta, circolazione e diffusione delle informazioni tra i diversi attori della Città Intelligente.
Una app già disponibile è il sistema Streetline, ovvero un parcheggio intelligente, che ha debuttato a Los Angeles nel dicembre 2010 e si è diffusa l’anno scorso in altre città degli USA (Indianapolis, Fort Worth, New York).
Proposto in Italia da Sinergis, azienda appartenente a Dedagroup ICT Network che negli ultimi 20 anni ha aiutato diverse Regioni e grandi città italiane a creare, gestire e far evolvere i loro sistemi geografici per la conoscenza e la pianificazione del territorio, la soluzione è un esempio di ecosistema in cui l’interazione fra amministrazione, cittadino e impresa migliora l’esperienza della città con benefici su tutti gli attori coinvolti.
Grazie all’app per smartphone, l’automobilista sa in anticipo dove andare a parcheggiare, si fa guidare dal navigatore attraverso il percorso più breve e paga la sua sosta.
Attraverso le analytics e il software di gestione, l’ente progetta i parcheggi, li integra in struttura, può variare il prezzo in base alla disponibilità, sanziona le soste irregolari. La soluzione utilizza i dati provenienti da sensori collocati nei posti auto a pagamento esistenti, li integra con quelli disponibili sui parcheggi e fornisce informazioni aggiornate. L’app riduce il tempo necessario per parcheggiare e dunque il consumo di carburante e la produzione di Co2.

Cosa ne pensi di questa notizia?