Un bosco verticale: Stefano Boeri racconta il grattacielo verde di Milano

Il bosco verticale non è infatti un edificio pensato unicamente per essere abitato dagli uomini ma anche da altre specie (uccelli, insetti) che l'inarrestabile predominio del cemento ha allontanato dalle nostre città.

Pubblicata il: 04/05/2016 15:21

Redazione ImpresaGreen

Prosegue il cammino verso la sedicesima edizione di Parolario, la manifestazione dedicata ai libri e alla lettura che si terrà dal 16 al 25 giugno a Como: sabato 14 maggio alle 17 presso Villa del Grumello a Como Stefano Boeri presenterà "Un bosco verticale" (Corraini, 2015), libro dedicato al celebre grattacielo verde di Milano, riconosciuto a livello internazionale.
Durante l'incontro, organizzato da Parolario con l'Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED, l'Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Como e la collaborazione della Associazione Villa del Grumello, l'autore dialogherà con Michele Pierpaoli, presidente dell'Ordine, Roberta Peverelli, architetto e project manager di Peverelli srl  e Tommaso Sacchi, consigliere del Comune di Firenze per gli eventi culturali e responsabile di Estate fiorentina. Coordinerà Salvatore Amura, presidente e amministratore unico di Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED di Como. 
Un bosco verticale" è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano; un tentativo di introdurre nell'architettura un concetto fino ad ora estraneo: la biodiversità.
Il libro è diviso in quattro parti: "Alberi e umani", un testo che racconta la nascita e lo sviluppo del progetto; "Storie dal Bosco Verticale", con alcuni piccoli racconti illustrati da Zosia Dzierżawska; il "Dizionario illustrato del Bosco Verticale in 100 voci", che raccoglie i concetti chiave del progetto e infine "Bosco Verticale: Imparare dal I BV", che modellizza l'esperienza per permettere la riproduzione altrove di progetti analoghi.

Cosa ne pensi di questa notizia?