Sharing Mobility: a Milano arriva il primo Urban Mobility Point d’Italia

Un punto informativo in cui i cittadini potranno trovare informazioni sui servizi di sharing mobility, registrarsi ai car sharing, sottoscrivere abbonamenti al bike sharing.

Pubblicata il: 23/09/2016 15:14

Redazione ImpresaGreen

Un unico luogo per registrarsi ai servizi di car sharing, sottoscrivere abbonamenti al bike sharing, scoprire la nuova mobilità cittadina: è il primo Urban Mobility Point d'Italia, l'angolo informativo gestito da Urbi, l'applicazione gratuita che aggrega tutti i principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, che, grazie alla collaborazione con Banca Sella, apre a Milano e sarà a disposizione di tutti i cittadini che cercano modi sostenibili di muoversi in città. 
Dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 18, nella succursale di via Gonzaga 3 di Banca Sella, i ragazzi e le ragazze di Urbi aiuteranno i milanesi a sfruttare al meglio i servizi di mobilità condivisa della propria città, rispondendo a qualunque dubbio e guidandoli nella registrazione dei diversi servizi, da Enjoy a Share 'ngo, da Uber a BikeMi.
All'interno dell'Urban Mobility point, i cittadini potranno anche scaricare l'app di Urbi e scoprire come avere in un'unica applicazione tutta la mobilità del territorio su smartphone (iOS e Android), tablet ed AppleWatch: gratuita e facile da usare, Urbi aggrega i principali sistemi di mobilità urbana e condivisa – car, bike, scooter sharing, taxi e Uber – consigliando il servizio migliore per il percorso da compiere e indicando costi, tempi di percorrenza e distanze dai veicoli presenti nei dintorni.
Oltre a Milano, l'app URBI è presente in altre dieci città italiane, tra cui Roma, Torino e Firenze, e sette in Germania, oltre a Copenhagen, Amsterdam, Stoccolma, Madrid e Vienna. Grazie anche alla partnership con il gruppo internazionale lastminute.com group, leader europeo nel travel e nel tempo libero online, Urbi punta a coprire a livello globale tutte le città in cui siano attivi sistemi maturi di urban mobility, per permettere all'utente di scegliere il servizio di mobilità condivisa più comodo e adatto alle sue esigenze.

Cosa ne pensi di questa notizia?