Energia, scatta la ‘tutela simile’: dal 2017 prove generali per il mercato libero dell’elettricità

Con la Tutela Simile, l’Autorità per l’energia vuole permettere ai piccoli imprenditori e alle famiglie, attualmente in regime di Maggiore Tutela, di ‘sperimentare’ una forma di offerta più vicina a quelle del mercato libero.

Pubblicata il: 03/11/2016 11:09

Redazione ImpresaGreen

Energia elettrica, si cambia. In attesa del mercato libero che scatterà nel 2018, per 4 milioni di piccole imprese, dal 1° gennaio 2017 arriverà l’offerta di ‘Tutela simile’. Si tratta, in pratica, di una sorta di prova generale, un meccanismo transitorio che prevede l’adesione volontaria, via web, a una fornitura di elettricità a sconto, con contratto standard, definita dall’Autorità per l’energia.
E sarà simile, appunto, a quella che, dal 2018, terminate le tutele di prezzo, verrà proposta sul mercato libero.
Le offerte contrattuali di energia elettrica saranno rese disponibili da venditori del mercato libero ‘ammessi’ al meccanismo in base a rigorosi requisiti, verificati inizialmente e monitorati ogni 3 mesi.
Con la Tutela Simile, l’Autorità per l’energia vuole quindi permettere ai piccoli imprenditori e alle famiglie, attualmente in regime di Maggiore Tutela, di  ‘sperimentare’ una forma di offerta più vicina a quelle del mercato libero, in condizioni di trasparenza, semplicità e in un contesto di fornitura sorvegliata  dall’Autorità stessa.
E proprio per agevolare questa transizione, l’Autorità ha coinvolto Confartigianato nel ruolo di facilitatore. In pratica, le Associazioni potranno assistere gli imprenditori nel passaggio alla Tutela simile e nella stipula dei nuovi contratti. Un compito molto importante per guidare artigiani e piccole aziende nella convenienza delle offerte ed evitare brutte sorprese.
Per il Sistema Confartigianato si apre quindi l’opportunità di offrire un servizio di carattere strategico per le imprese in cambio di un corrispettivo riconosciuto dall’Autorità per l’energia.
Le Associazioni di Confartigianato interessate a svolgere il servizio e ad accreditarsi presso l’Autorità per l’energia nel ruolo di facilitatori della Tutela simile devono inviare la loro manifestazione di interesse a Confartigianato nazionale entro il prossimo 24 novembre.

Cosa ne pensi di questa notizia?