Terna e RFI insieme per l’energia sostenibile

Firmata intesa per l’individuazione di iniziative in materia di energie rinnovabili. Prevista la realizzazione di impianti fotovoltaici per una potenza fino a un massimo di 200 MW, la cui energia pulita sarà utilizzata per alimentare i consumi elettrici di RFI.

Pubblicata il: 21/11/2016 15:29

Redazione ImpresaGreen

L’Amministratore Delegato di Terna, Matteo Del Fante e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), Maurizio Gentile, hanno firmato una Lettera di Intenti con l’obiettivo di collaborare per la individuazione e la realizzazione di iniziative di interesse comune in materia di energie rinnovabili in Italia. In particolare, l’accordo prevede lo sviluppo da parte delle due società di un progetto volto alla realizzazione di impianti fotovoltaici che alimenteranno con energia pulita i consumi elettrici di RFI. In base all’accordo, si prevede di identificare aree su cui costruire impianti fotovoltaici per una potenza fino a un massimo di 200 MW, che garantiranno a Rete Ferroviaria Italiana una produzione di energia pulita fino a circa 300 GWh l’anno.
Tra i siti potenzialmente idonei per la localizzazione degli impianti sono stati individuati anche alcuni in Sardegna nell’area di Cagliari (Villasor, Selargius) e in quella di Nuoro (Bolotana). Il progetto allo studio di Terna e RFI potrebbe costituire la prima grande operazione nel settore dell’energia fotovoltaica in Italia ad essere realizzata in un contesto di “grid parity”, in assenza cioè di incentivi statali e, quindi, contrariamente al passato, senza oneri aggiuntivi per famiglie e imprese.
L’iniziativa si inquadra nel più ampio contesto della collaborazione tra le due aziende avviata nel 2015 con l’acquisizione da parte di Terna della rete in Alta Tensione del Gruppo di Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., che prevede lo sviluppo di numerose attività finalizzate a cogliere le sinergie esistenti, in particolare per quanto attiene le aree e le infrastrutture di confine e di interfaccia.

Cosa ne pensi di questa notizia?