Report EcoTyre: oltre 50 milioni di kg di PFU gestiti in Italia

Da un punto di vista territoriale sono le Regioni del Sud Italia ad aver registrato gli incrementi più significativi.

Pubblicata il: 25/05/2017 15:30

Redazione ImpresaGreen

EcoTyre raggiunge un traguardo importante: per la prima volta supera quota 50 milioni di kg di PFU gestiti attraverso attività ordinarie, interventi straordinari per PFU Zero e ritiri presso gli Autodemolitori ACI.
Il Consorzio ha, inoltre, triplicato la raccolta nelle Regioni del Sud Italia, passando da 3 milioni di kg del 2015 a oltre 10 milioni di kg dell'anno appena trascorso. Particolarmente significativo il caso della Campania che ha quintuplicato la raccolta, diventando in un solo anno la seconda regione in Italia per quantitativi gestiti. Questi sono solo alcuni dei dati riportati dal Consorzio nel proprio Annual Report, consultabile e scaricabile dal sito internet www.ecotyre.it.
Gran parte dei 50 milioni di kg di PFU deriva dalla raccolta ordinaria che da sola contabilizza 43.753.278 kg gestiti effettuando il 5% in più di missioni rispetto all'anno precedente (22.141) presso i 10.584 punti serviti: gommisti e officine in tutta Italia. A questi si aggiungono 3.353.336 kg grazie agli 887 ritiri presso i demolitori di auto accreditati ACI. Con le attività di raccolta straordinaria e volontaria che rientrano nel progetto PFU Zero, sono stati, infine, gestiti 3.041.940 kg finanziati grazie all’avanzo di gestione che il Consorzio ha avuto negli anni precedenti.
Da un punto di vista territoriale sono le Regioni del Sud Italia ad aver registrato gli incrementi più significativi: oltre alla Campania passata da un milione di kg del 2015 a oltre 5 milioni del 2016, da segnalare la Sicilia e la Calabria che hanno più che raddoppiato i quantitativi, ma anche la Puglia con un +38%. Il Molise registra il record in termini di incrementi con +730%. Al nord si continuano ad avere buone performance di raccolta in Piemonte e Liguria mentre al Centro è il Lazio a registrare i quantitativi più alti.

Cosa ne pensi di questa notizia?