impresagreen.it http://www.impresagreen.it Notizie da ImpresaGreen.it Fri, 23 Sep 2016 15:14:00 +0000 it hourly 1 http://www.mrwebbit.com Sharing Mobility: a Milano arriva il primo Urban Mobility Point d’Italia http://www.impresagreen.it/news/8026/sharing-mobility-a-milano-arriva-il-primo-urban-mobility-point-d-italia.html.html Fri, 23 Sep 2016 15:14:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8026/sharing-mobility-a-milano-arriva-il-primo-urban-mobility-point-d-italia.html  Un punto informativo in cui i cittadini potranno trovare informazioni sui servizi di sharing mobility, registrarsi ai car sharing, sottoscrivere abbonamenti al bike sharing.

]]>
Un unico luogo per registrarsi ai servizi di car sharing, sottoscrivere abbonamenti al bike sharing, scoprire la nuova mobilit agrave; cittadina: egrave; il primo Urban Mobility Point d'Italia, l'angolo informativo gestito da Urbi, l'applicazione gratuita che aggrega tutti i principali sistemi di mobilit agrave; urbana e condivisa, che, grazie alla collaborazione con Banca Sella, apre a Milano e sar agrave; a disposizione di tutti i cittadini che cercano modi sostenibili di muoversi in citt agrave;. nbsp;
Dal luned igrave; al sabato, dalle 9 alle 18, nella succursale di via Gonzaga 3 di Banca Sella, i ragazzi e le ragazze di Urbi aiuteranno i milanesi a sfruttare al meglio i servizi di mobilit agrave; condivisa della propria citt agrave;, rispondendo a qualunque dubbio e guidandoli nella registrazione dei diversi servizi, da Enjoy a Share 'ngo, da Uber a BikeMi.
All'interno dell'Urban Mobility point, i cittadini potranno anche scaricare l'app di Urbi e scoprire come avere in un'unica applicazione tutta la mobilit agrave; del territorio su smartphone (iOS e Android), tablet ed AppleWatch: gratuita e facile da usare, Urbi aggrega i principali sistemi di mobilit agrave; urbana e condivisa ndash; car, bike, scooter sharing, taxi e Uber ndash; consigliando il servizio migliore per il percorso da compiere e indicando costi, tempi di percorrenza e distanze dai veicoli presenti nei dintorni.
Oltre a Milano, l'app URBI egrave; presente in altre dieci citt agrave; italiane, tra cui Roma, Torino e Firenze, e sette in Germania, oltre a Copenhagen, Amsterdam, Stoccolma, Madrid e Vienna. Grazie anche alla partnership con il gruppo internazionale lastminute.com group, leader europeo nel travel e nel tempo libero online, Urbi punta a coprire a livello globale tutte le citt agrave; in cui siano attivi sistemi maturi di urban mobility, per permettere all'utente di scegliere il servizio di mobilit agrave; condivisa pi ugrave; comodo e adatto alle sue esigenze.

]]>
ABB cede le attività relative ai cavi a NKT Cables http://www.impresagreen.it/news/8025/abb-cede-le-attivita-relative-ai-cavi-a-nkt-cables.html.html Fri, 23 Sep 2016 09:47:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8025/abb-cede-le-attivita-relative-ai-cavi-a-nkt-cables.html  ABB e NKT Cables firmano un accordo di partnership strategica a lungo termine. La vendita ha un valore totale di 836 milioni di euro (934 milioni di dollari).

]]>
NKT Cables acquisir agrave; il business globale di ABB dei sistemi di cavi in alta tensione per un valore totale di 836 milioni di euro (934 milioni di dollari). I cavi in alta tensione sono componenti chiave nelle reti energetiche sostenibili, utilizzate per la trasmissione di grandi quantit agrave; di energia elettrica su lunghe distanze. Il business egrave; parte della divisione Power Grids di ABB che egrave; attualmente in fase di revisione strategica.
NKT Cables progetta, produce e fornisce cavi di alimentazione per soluzioni in bassa, media e alta tensione soprattutto per la parte in corrente alternata (AC). Ha grandi impianti di produzione in Europa e Cina, nonch eacute; uffici commerciali in tutto il mondo. Impiega circa 3.200 persone e nel 2015 il suo fatturato egrave; stato di 1,2 miliardi di euro.
ldquo;Stiamo unendo due forti portafogli nel settore dei cavi radicati in un patrimonio nordico condiviso che diventer agrave; pi ugrave; competitivo su larga scala sotto la propriet agrave; di NKT Cables, mantenendo l'accesso al mercato attraverso una partnership strategica a lungo termine, rdquo; ha dichiarato il CEO di ABB Ulrich Spiesshofer. ldquo;La combinazione del nostro business di nicchia dei sistemi di cavi con la forza di NKT Cables dimostra il nostro impegno nella gestione attiva del nostro portafoglio, un elemento chiave della nostra strategia Next Level. rdquo;
ldquo;Il business di ABB dei cavi in alta tensione aggiunger agrave; una notevole forza al nostro portafoglio e ci porter agrave; ad attivit agrave; di produzione di classe mondiale. Sfrutteremo la tecnologia, la competenza e la forza lavoro altamente specializzata per la crescita di questo business, rdquo; ha dichiarato Michael Hedegaard Lyng, Presidente e CEO di NKT Cables. ldquo;Siamo impazienti di rafforzare la nostra partnership a lungo termine che realizzer agrave; in futuro progetti in tutto il mondo. rdquo;
Il business dei sistemi di cavi di ABB offre soluzioni chiavi in mano che includono la progettazione, l'ingegneria, la fornitura, l'installazione, la messa in servizio e il service. Nel 2015 ha avuto ricavi stabili su base autonoma di 524 milioni di dollari, impiega circa 900 persone e ha strutture all'avanguardia a Karlskrona, Svezia, per la produzione e la Ricerca e Sviluppo di cavi sottomarini e sotterranei in alta tensione. Il trasferimento degli asset comprende anche una nave posa cavi nbsp; attualmente in costruzione. nbsp;

]]>
Epson Innovation Hub: la tecnologia in armonia con l'ambiente http://www.impresagreen.it/news/8023/epson-innovation-hub-la-tecnologia-in-armonia-con-l-ambiente.html.html Thu, 22 Sep 2016 11:41:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8023/epson-innovation-hub-la-tecnologia-in-armonia-con-l-ambiente.html  Durante le giornate di Milano, la società giapponese presenterà a partner e grandi aziende i prodotti più innovativi per il business, la formazione e il retail, inseriti in situazioni reali per illustrare in modo concreto come la tecnologia può cambiare il nostro modo di operare senza compromessi sull'ambiente.

]]>
Tutte le soluzioni Epson pi ugrave; innovative per il business, l'education e il retail nbsp;inserite in ambienti e situazioni reali. Egrave; ci ograve; che i rivenditori e le aziende che visiteranno Epson Innovation Hub potranno vedere, osservare e toccare con mano a Milano il 4 e 5 ottobre, presso East End Studios - Spazio Antologico (via Mecenate, 84/10).
"Con questa iniziativa - afferma Flavio Attramini, Head of Business Sales di Epson Italia - vogliamo dare modo a partner e clienti di conoscere pi ugrave; da vicino le nuove linee di prodotto sperimentando prestazioni e caratteristiche, ma anche sottolineare ancora una volta il forte e continuo impegno dell'azienda verso il rispetto dell'ambiente e la realizzazione di prodotti a basso impatto." nbsp;
Gli ambienti del futuro.Una formula del tutto nuova - che quest'anno sostituisce il classico Roadshow Business - creata per offrire ai visitatori un'esperienza immersiva, dando allo stesso tempo una visione d'insieme delle molte soluzioni proposte da Epson.
nbsp;I visitatori potranno entrare nell'Ufficio del futuro dove sperimentare le postazioni di smart printing e capire meglio le straordinarie opportunit agrave; offerte dalle nuove frontiere della Unified Communication sino alla possibilit agrave; di fare riunioni interattive fra sedi diverse. nbsp;
Nell'area dedicata alla Scuola e alla Formazione, nbsp;sar agrave; possibile tornare tra i banchi e scoprire il nuovo modo di fare scuola con lo Smart Education Kit (realizzato in partnership con Intervideo), formato da un videoproiettore interattivo a ottica ultra-corta, oltre alle soluzioni di stampa pensate per la classe (serie EcoTank) e per la segreteria (serie WorkForce Pro). nbsp;
Grandi novit agrave; anche per il Retail che vive oggi il passaggio verso il Commercio 2.0 dove il punto cassa egrave; destinato a trasformarsi in un centro servizi per il quale Epson presenta soluzioni adatte alle pi ugrave; svariate esigenze: le stampanti Intelligent, fiscali e da mobile (in partnership con Full Over soluzione Salta Cassa); la serie EcoTank per la stampa di coupon e locandine e la serie ColorWorks per la produzione di etichette a colori on-demand; oltre alla Virtual Hostess con videoproiettore Epson integrato, un nuovo modo di assistere il cliente (in collaborazione con DSE). nbsp;
Nell'area ristoro verranno allestite applicazioni di Digital Mapping con i nuovi videoproiettori da installazione con sorgente laser, novit agrave; assoluta Epson, oltre all'entertainment wall per provare direttamente l'interattivit agrave; dei videoproiettori a ottica ultra-corta con giochi e attivit agrave; coinvolgenti e divertenti.
"Tra le numerose novit agrave; di quest'anno - spiega Carla Conca, Sales Manager Visual Instruments di Epson Italia - spiccano in particolare i videoproiettori con sorgente laser, il frutto delle nostre continue attivit agrave; di ricerca, sviluppo e test, che dimostrano l'innovazione tecnologica di cui egrave; capace l'azienda. Ci ograve; ha portato a prodotti tecnologicamente all'avanguardia, progettati nei minimi dettagli e flessibili dal punto di vista funzionale, in grado di soddisfare i requisiti di molte applicazioni nel mercato dei videoproiettori da installazione." nbsp;

]]>
A Selta una commessa Terna per ammodernare la rete elettrica ex RFI http://www.impresagreen.it/news/8022/a-selta-una-commessa-terna-per-ammodernare-la-rete-elettrica-ex-rfi.html.html Wed, 21 Sep 2016 11:39:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8022/a-selta-una-commessa-terna-per-ammodernare-la-rete-elettrica-ex-rfi.html  Un investimento conseguente all’accordo del dicembre 2015 per la cessione da parte di RFI a Terna di oltre 8 mila Km di elettrodotti, 350 stazioni elettriche e della rete in fibra ottica.

]]>
Sar agrave; l rsquo;italiana Selta il maggior fornitore delle tecnologie di automazione, comunicazione e controllo delle infrastrutture della rete elettrica di alta e altissima tensione cedute in questi mesi da Rete Ferroviaria Italiana (RFI, Gruppo FS) a Terna.
L rsquo;azienda di Cadeo ha infatti acquisito due dei sei lotti assegnati da Terna nell rsquo;ambito del programma di ammodernamento e potenziamento dell rsquo;infrastruttura che con accordo del dicembre 2015 egrave; stata trasferita dall rsquo;operatore ferroviario a quello delle reti per la trasmissione dell rsquo;energia elettrica. nbsp;
Tale accordo riguardava la cessione di 7.510 km di elettrodotti in alta e altissima tensione (AT / AAT) e 350 stazioni elettriche, che sono stati cos igrave; compresi nella Rete di Trasmissione Elettrica Nazionale (RTN), nonch eacute; 869 km di elettrodotti gi agrave; parte della stessa rete RTN, oltre ad un contratto per il passaggio della rete in fibra ottica. Il trasferimento di quest rsquo;infrastruttura ha consentito di aumentare del 13 per cento i km di rete elettrica di trasmissione di propriet agrave; di Terna, che egrave; il primo operatore indipendentein Europa nel settore. nbsp;I lotti assegnati a Selta, nell rsquo;ambito di un Raggruppamento Temporaneo d rsquo;Impresa da essa condotto, riguardano le reti ferroviarie di Toscana ed Emilia-Romagna e della Sicilia.
Partner di Selta sono le nbsp;societ agrave; Tozzi Sud, nbsp;specializzata nelle attivit agrave; di ingegneristica e infrastrutture di supporto per i settori oil amp; gas, e Tozzi Electrical Equipment , azienda di punta nella progettazione e produzione di apparecchiature elettriche e nbsp;di quadri elettrici in media e bassa tensione . Il valore complessivo della commessa arriva fino a 57 milioni euro, di cui la met agrave; di competenza di Selta, che curer agrave; la componente elettronica di automazione, controllo e comunicazione. nbsp;
L rsquo;ammodernamento degli impianti oggetto della nuova commessa permetter agrave; a Terna non solo di assicurare il pi ugrave; elevato servizio nei confronti della rete di alimentazione elettrica delle ferrovie ndash; tra l rsquo;altro in aree che vedono anche una importante presenza della rete ad alta velocit agrave; attorno ai nodi di Bologna e di Firenze, caratterizzata da specifiche esigenze di funzionamento ndash; ma anche di migliorare le doti di capillarit agrave;, sicurezza e qualit agrave; del servizio della rete di trasmissione nazionale (RTN). Rientrano nelle nuove sfide anche i nuovi standard richiesti dalla diffusione delle fonti rinnovabili, un settore in cui Selta egrave; tra i fornitori di apparati Smart Grid pi ugrave; avanzati in campo europeo.

]]>
E.ON è stata inclusa nel Dow Jones Sustainability Index http://www.impresagreen.it/news/8021/e-on-e-stata-inclusa-nel-dow-jones-sustainability-index.html.html Wed, 21 Sep 2016 11:27:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8021/e-on-e-stata-inclusa-nel-dow-jones-sustainability-index.html  In diverse categorie la performance di E.ON è stata superiore alla media e ha ottenuto significativi miglioramenti nel punteggio rispetto allo scorso anno.

]]>
E.ON ha annunciato di essere stata inclusa nel prestigioso Dow Jones Sustainability Indices World and Europe. Il Gruppo egrave; l rsquo;unica azienda tedesca del settore ldquo;Multiutility rdquo; ad essere inclusa nell rsquo;Index, un onore riservato ad appena un decimo delle oltre 2.500 aziende quotate.
Il CEO Johannes Teyssen ha dichiarato ldquo;Sono molto fiero di questo risultato e vorrei ringraziare tutti i colleghi che lo hanno reso possibile. Non intendiamo per ograve; dormire sugli allori: il riallineamento del nostro business e il nuovo focus su rinnovabili, reti e soluzioni innovative per i clienti offrono grandi opportunit agrave; per diventare ancora pi ugrave; sostenibili. Possiamo rendere la sostenibilit agrave; ancora pi ugrave; centrale nel nostro core business e plasmare in questo modo un mondo dell rsquo;energia nuovo e sostenibile. Ci stiamo preparando per i mercati energetici del futuro e vogliamo migliorare costantemente. rdquo;

]]>
Confcommercio: per imprese terziario bolletta elettrica +9,1% e gas +2,7% http://www.impresagreen.it/news/8020/index.html.html Wed, 21 Sep 2016 11:17:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8020/index.html  Sul piano tendenziale, primo aumento della spesa per energia da inizio 2015 e aumento record del costo del dispacciamento: +70%.

]]>
Nel terzo trimestre 2016, l'indicatore della spesa elettrica ICET-E sale a 125,6 contro i circa 115,1 del secondo trimestre (+9,1%). Tale aumento egrave; riconducibile a due fattori. Da un lato, un rialzo del 12% dei prezzi della materia prima fissati dall'Autorit agrave; sulla base delle previsioni dell'Acquirente unico; dall'altro, si registra un preoccupante aumento del 70% del costo del dispacciamento.
Aumento che ha indotto l'Autorit agrave; per l'energia ad attivare opportune misure per valutare potenziali abusi nel mercato dei servizi di dispacciamento dell'energia elettrica.
Nel dettaglio egrave; continuata la discesa dei prezzi all'ingrosso dell'energia (PUN) dove il prezzo all'ingrosso medio, calcolato sul profilo del terziario preso a riferimento, egrave; passato da 41,27 euro;/MWh a 35,26 euro;/MWh.
Sul piano tendenziale il terzo trimestre 2016 segna un'inversione di tendenza rispetto ai trimestri precedenti registrando un lieve aumento dello 0,8% della spesa per l'acquisto di energia, il primo dall'inizio del 2015.
Tra le componenti della bolletta, si registra un livello minimo in termini percentuali del peso del "bene chilowattora" pari al 23,5% a fronte, invece, di un aumento record dei costi di dispacciamento (+70% rispetto al trimestre precedente) la cui incidenza sul totale della bolletta egrave; raddoppiata rispetto a un anno fa arrivando a pesare per il 10%. Complessivamente il peso delle componenti fiscali e parafiscali (oneri, accisa ed imposta sul valore aggiunto) si attesta al 55,7% rispetto ad un'incidenza del 56,8% relativa allo stesso periodo del 2015.
Per quanto riguarda le spese relative all'acquisto di GAS (ICET-G), nel terzo trimestre 2016 l'Indice ICET-G, che misura l'andamento medio della spesa per la fornitura di gas naturale sostenuta dai profili tipo di imprese del settore dei servizi, registra un aumento pi ugrave; contenuto del 2,7%. L'Indice ICET-G sale a quota 97,3 punti contro i 94,79 del primo trimestre 2016.

]]>
Quattro città italiane partecipano alla “maratona” mondiale di idee per la sostenibilità urbana http://www.impresagreen.it/news/8019/quattro-citta-italiane-partecipano-alla-maratona-mondiale-di-idee-per-la-sostenibilita-urbana.html.html Tue, 20 Sep 2016 10:25:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8019/quattro-citta-italiane-partecipano-alla-maratona-mondiale-di-idee-per-la-sostenibilita-urbana.html  Climate-KIC, la community europea per la lotta ai cambiamenti climatici coordinata in Italia da Climate-KIC Italy, con sede in Emilia-Romagna organizza il 28 ottobre Climathon: una maratona di idee che in 24 ore selezionerà le migliori proposte per risolvere le ‘sfide’ lanciate da 121 città in tutto il mondo.

]]>
Una lsquo;maratona rsquo; di 24 ore per proporre idee utili a contrastare i cambiamenti climatici e rendere i centri urbani sempre pi ugrave; lsquo;green rsquo;, vedr agrave; protagoniste il 28 ottobre 121 citt agrave; del mondo, di cui 4 italiane (Venezia, Bologna, Torino, Latina). nbsp;
La competizione internazionale di idee, Climathon, egrave; promossa da Climate-KIC, partenariato europeo per la lotta ai cambiamenti climatici e la sostenibilit agrave;. Imprenditori, ricercatori, innovatori e studenti universitari potranno iscriversi entro il 30 settembre, compilando il modulo presente sul sito https://climathon.climate-kic.org/join/steps/1 e specificando la citt agrave; in cui si intende gareggiare. nbsp;
Ogni citt agrave; ha definito il tema della sfida sul quale verranno coinvolti esperti e stakeholder che guideranno i candidati nell rsquo;elaborazione dei progetti. nbsp;
A Torino il tema della sfida lanciata da Comune ed Environment Park, nbsp;sar agrave; ldquo;Risorse circolari per Torino rdquo;, mentre il tema scelto da Venezia (Fondazione Enrico Mattei) sar agrave; ldquo;Il retaggio culturale in un clima che cambia rdquo;. A Bologna l rsquo;Urban Center punta sull rsquo;utilizzo dei nuovi strumenti di informazione in caso di eventi estremi.
Infine, a Latina, l rsquo;associazione Sempre Verde Pro Natura su ldquo;L rsquo;opportunit agrave; del settore green a Latina: l rsquo;azione per il clima aiuta lo sviluppo locale rdquo;.
Tra le citt agrave; che il 28 nbsp; ottobre ospiteranno il Climathon di Climate-Kic ci sono anche importanti centri del continente americano (Toronto, Vancouver, NewYork, Miami, Bogot agrave;, Medelin, Santiago del Cile, San Paolo, Recife, ecc.) e asiatico (Honk Kong, Seoul, Bangladesh, Mumbai, Nuova Deli, Bangalore, ecc.). In Europa saranno protagoniste anche Londra, Dublino, Berlino, Francoforte, Zurigo, Parigi, Malmo, Cracovia, Belgrado, ecc.

]]>
Cgia: bollette luce e gas al top in Ue http://www.impresagreen.it/news/8017/cgia-bollette-luce-e-gas-al-top-in-ue.html.html Mon, 19 Sep 2016 15:39:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8017/cgia-bollette-luce-e-gas-al-top-in-ue.html  Cgia: "Tuttavia bus e treni sono i meno cari d’Europa".

]]>
Le nostre bollette della luce e del gas sono tra le pi ugrave; alte in Ue. I prezzi dei biglietti dei bus e dei treni, invece, sono i meno cari d rsquo;Europa. Sono questi i principali risultati che emergono dal confronto realizzato dall rsquo;Ufficio studi della CGIA su una serie di tariffe pubbliche applicate in tutta Ue.
Come dicevamo pi ugrave; sopra, il prezzo dell rsquo;energia elettrica per le famiglie italiane, riferito alla classe media dei consumi domestici annui compresi tra i 2.500 e i 5.000 chilowatt/ora (tasse incluse), si colloca al terzo posto tra i paesi dell rsquo;area euro. Dopo la Germania e l rsquo;Irlanda, infatti, in Italia il costo dell rsquo;energia elettrica sfiora i 243 euro ogni 1.000 chilowatt/ora consumati. Rispetto alla media dei 19 paesi monitorati, le famiglie italiane pagano il 10 per cento in pi ugrave;. I dati sono riferiti al secondo semestre 2015.
Per quanto concerne il gas, anche in questo caso il prezzo praticato alle famiglie italiane, riferito alla classe media dei consumi domestici annui compresi tra i 20 e i 200 Giga Joule * (tasse incluse), egrave; il terzo pi ugrave; elevato tra quelli applicati tra i paesi dell rsquo;area euro. Dopo il Portogallo e la Spagna, infatti, in Italia paghiamo 90,5 euro ogni chilowatt/ora consumato. Rispetto alla media dei paesi dell rsquo;euro presi in esame in questa comparazione subiamo una maggiorazione di costo pari a 18,6 punti percentuali. Anche in questo caso i dati sono riconducibili al secondo semestre 2015.
ldquo;Oltre a scontare l rsquo;handicap di essere un paese importatore di prodotti energetici ndash; segnala il coordinatore dell rsquo;Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo ndash; le nostre bollette della luce e del gas sono tra le pi ugrave; care d rsquo;Europa anche perch eacute; il carico fiscale egrave; pesantissimo. Nelle tariffe elettriche, ad esempio, l rsquo;incidenza della tassazione sul prezzo totale nelle fasce di consumo medio da noi egrave; al 39 per cento contro una media europea del 32 per cento. In quelle del gas, invece, la componente fiscale presente in Italia egrave; del 36 per cento, mentre in Ue si attesta al 23 per cento rdquo;.
Per contro, spostarsi con i mezzi pubblici in Italia egrave; molto conveniente, almeno in termini di prezzo. Nel confronto con le principali citt agrave; europee, il costo del biglietto di bus, tram e metropolitana di sola andata per una tratta di circa 10 chilometri (o almeno 10 fermate) egrave; il pi ugrave; basso in assoluto. La media misurata a Milano e Roma egrave; di 1,5 euro. Niente a che vedere con il prezzo praticato, ad esempio, a Stoccolma (3,8 euro), a Londra (3,6 euro) e a Dublino (2,8 euro).
Biglietti tra i meno cari d rsquo;Europa anche quando viaggiamo in treno. Il biglietto di sola andata in seconda classe per una tratta di almeno 200 chilometri applicata a partire dalle stazioni di Milano e di Roma egrave; mediamente di 25,1 euro. Solo la media di Barcellona e Madrid egrave; leggermente inferiore alla nostra (24,5 euro), mentre a Londra il costo egrave; di 66,7 euro, la media di Berlino, Francoforte e Monaco egrave; di 52,4 euro, a Parigi egrave; di 39,5 euro e a Stoccolma di 37,7 euro.
ldquo;Se pendolari e viaggiatori possono contare su biglietti a basso prezzo ndash; conclude Zabeo ndash; egrave; anche vero che la qualit agrave; dell rsquo;offerta che ricevono egrave; molto scadente. Ad eccezione delle tratte di lunga percorrenza, il nostro trasporto ferroviario regionale, ad esempio, versa in pessime condizioni. Mancano gli investimenti, il parco rotabile spesso egrave; obsoleto e la disorganizzazione egrave; molto diffusa, soprattutto nel Mezzogiorno. rdquo;
Dopo bus e treni anche le tariffe dell rsquo;acqua sono tra le pi ugrave; basse d rsquo;Europa. Se l rsquo;acqua potabile costa a Roma 1,62 euro al metro cubo, tra le capitali europee solo ad Atene il costo egrave; inferiore: 1,51 euro. Pesante la situazione che, invece, si verifica in Lussemburgo (5,84 euro/mc), a Berlino (5,70 3 euro/mc), ad Amsterdam (5,31 euro/mc) e a Vienna (4,91 euro/mc)

]]>
Assogasliquidi: decreto combustibili alternativi è pietra miliare per sviluppo GPL e GNL http://www.impresagreen.it/news/8016/assogasliquidi-decreto-combustibili-alternativi-e-pietra-miliare-per-sviluppo-gpl-e-gnl.html.html Mon, 19 Sep 2016 09:54:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8016/assogasliquidi-decreto-combustibili-alternativi-e-pietra-miliare-per-sviluppo-gpl-e-gnl.html  Il piano di sviluppo per i trasporti stradali e per il settore nautico farà crescere la domanda di GPL e, conseguentemente, i benefici per l’ambiente. Regole chiare e uniformi consentiranno investimenti sulle infrastrutture di GNL.

]]>
ldquo;Il decreto di recepimento della direttiva UE sulla lsquo;realizzazione di un rsquo;infrastruttura per i combustibili alternativi rsquo; rappresenta un primo importante passo in avanti nel percorso che condurr agrave; il Paese verso una pi ugrave; larga diffusione del GPL e del GNL carburanti nel settore dei trasporti. Esprimiamo apprezzamento per il lavoro svolto dalle autorit agrave; italiane per il complesso di norme volte alla rimozione dei maggiori ostacoli allo sviluppo industriale del GNL e al maggiore utilizzo del GPL rdquo;. nbsp;
E rsquo; questo il commento di Francesco Franchi, Presidente di Assogasliquidi, l rsquo;Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti (GPL e GNL) per uso combustione e autotrazione, sul decreto approvato oggi dal Consiglio dei Ministri.
Riconosciuto dalla stessa UE quale combustibile alternativo capace di contribuire alla diversificazione delle fonti energetiche e al miglioramento delle condizioni ambientali, grazie a un rsquo;impronta di carbonio e emissioni inquinanti significativamente minori rispetto ai combustibili convenzionali, per il GPL si prevede un piano di sviluppo sia nel settore dei trasporti stradali che in quello della nautica diportistica e commerciale. nbsp;
Si punta ad una continuit agrave; delle politiche in corso, in materia di distribuzione stradale e di fiscalit agrave;, sul prodotto (accise) e sulle auto alimentate con questo carburante (bollo auto), evidenziando l rsquo;efficacia delle misure statali e regionali messe in campo negli ultimi anni. nbsp;Per il settore nautico, il piano prevede la realizzazione di almeno una stazione di rifornimento in ogni Regione entro il 2025.
Nel campo dei trasporti terrestri, si aggiunge una misura per l rsquo;armonizzazione dei provvedimenti di esenzione dei veicoli a GPL dai blocchi del traffico nelle aree urbane, che, a parere di Franchi, ldquo;costituir agrave; un importante stimolo alla domanda di veicoli e conversioni a gas rdquo;. nbsp;
Sulla base di una recente ricerca della Fondazione Sviluppo sostenibile, il Piano evidenzia che una maggiore penetrazione delle auto a gas, dovuta sia ad acquisto di nuove vetture a gas sia ad interventi retrofit, comporterebbe una riduzione significativa delle emissioni al 2030: - 3,5 milioni di t CO2, - 67 tonnellate di particolato e -21 mila tonnellate di ossidi di azoto all rsquo;anno rispetto ad uno scenario tendenziale, cio egrave; in assenza di interventi pubblici.
ldquo;Una valutazione positiva anche per quanto riguarda le misure introdotte per lo sviluppo del mercato della distribuzione del GNL, quale carburante per il trasporto terrestre e marittimo e come combustibile per le applicazioni industriali e la distribuzione in rete. Le nuove disposizioni ndash; conclude Franchi - delineano un quadro chiaro ed uniforme per il rilascio delle autorizzazioni sugli impianti di approvvigionamento, che consentir agrave; agli imprenditori di sviluppare gli investimenti in tale segmento di business e al nostro Paese di disporre di punti di approvvigionamento sul territorio, con benefici in termini di costi, sicurezza di approvvigionamento e diversificazione delle fonti energetiche in un rsquo;ottica di riduzione delle emissioni inquinanti rdquo;. nbsp;
Il tema dello sviluppo dei carburanti alternativi egrave; stato anche l rsquo;oggetto del convegno VGR (Valutazione e gestione del Rischio), svoltosi a Roma all rsquo;Istituto Superiore Antincendi del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco. Durante la tavola rotonda dedicata, il Presidente Franchi ha esposto l rsquo;importanza dei carburanti gassosi (GPL e GNL) per la decarbonizzazione del settore trasporti e ha evidenziato l rsquo;esigenza di realizzare infrastrutture di stoccaggio a terra per la distribuzione del GNL. Un positivo riscontro su questo aspetto egrave; stato assicurato dall rsquo;ingegner Gioacchino Giomi, Capo del Corpo dei Vigili del Fuoco, che ha confermato l rsquo;impegno per la definizione di una guida tecnica per la prevenzione di incendi, quando si utilizzano i carburanti alternativi.

]]>
Ford Smart Mobility studia soluzioni innovative per la mobilità delle grandi città globali http://www.impresagreen.it/news/8015/ford-smart-mobility-studia-soluzioni-innovative-per-la-mobilita-delle-grandi-citta-globali.html.html Fri, 16 Sep 2016 15:24:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8015/ford-smart-mobility-studia-soluzioni-innovative-per-la-mobilita-delle-grandi-citta-globali.html  Ford, in collaborazione con Motivate, ha aggiunto un’ulteriore soluzione per la mobilità di cittadini e turisti nelle aree della città e della baia di San Francisco grazie a Ford GoBike, il nuovo servizio di bike-sharing dell’Ovale Blu.

]]>
Ford sta collaborando con le pi ugrave; importanti citt agrave; del mondo per sviluppare soluzioni innovative ai problemi legati alla congestione del traffico e aiutare le persone affinch eacute; possano spostarsi pi ugrave; agevolmente, oggi e nel prossimo futuro. La prima citt agrave; coinvolta nel progetto sar agrave; San Francisco.
L'Ovale Blu ha annunciato un accordo per acquisire Chariot, societ agrave; con sede a San Francisco, che si occupa di fornire un servizio navetta su base collettiva, e collaborando con Motivate, leader mondiale nei servizi di bike-sharing, per studiare soluzioni alternative di trasporto nei centri urbani.
Ford, inoltre, ha creato City Solutions, un team dedicato allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilit agrave; nelle citt agrave; pi ugrave; importanti del mondo.
Oggi la met agrave; della popolazione globale vive nelle citt agrave;. Entro il 2030 questa quota salir agrave; al 60%. Le sfide legate alla mobilit agrave; sono direttamente proporzionali a tali percentuali, maggiore sar agrave; il numero di abitanti delle citt agrave;, maggiori saranno le difficolt agrave; legate a questi temi. Ford si impegna per divenire parte della soluzione a questi problemi.
L rsquo;acquisizione di Chariot da parte dell rsquo;Ovale Blu sar agrave; la pietra angolare su cui costruire una nuova area di attivit agrave; relativa al servizio globale di shuttle. Il servizio di navetta dovrebbe essere esteso oltre San Francisco in almeno 5 altri mercati nei prossimi 18 mesi. Lanciata nel 2014, Chariot gestisce all rsquo;incirca 100 Ford Transit, utilizzati come shuttle lungo 28 itinerari nelle aree della citt agrave; e della baia di San Francisco. Oggi i percorsi di Chariot sono sviluppati su richiesta a livello collettivo. In futuro opereranno in modo dinamico, utilizzando algoritmi per analizzare i dati e mappare percorsi efficaci per servire al meglio e in tempo reale, le esigenze di mobilit agrave; delle comunit agrave;.
Le navette Chariot si inseriscono nelle opzioni per il trasporto di massa per colmare il divario tra taxi e autobus, fornendo un rsquo;opzione di trasporto su richiesta, da punto a punto, comoda, efficiente ed economica. Uno studio commissionato da Ford e condotto da KPMG ha mostrato che per ogni shuttle dinamico messo in servizio durante le ore di punta la congestione urbana potrebbe essere ridotta fino a 25 automobili.
Le biciclette sono un rsquo;altra modalit agrave; di trasporto molto diffusa per i pendolari, nella baia di San Francisco. Ford e Motivate, leader mondiale nel bike-sharing, stanno sviluppando accordi con le amministrazioni cittadine per aggiungere nuove stazioni e aumentare il numero di biciclette a 7.000 entro la fine del 2018. Quando verr agrave; lanciato, il prossimo anno, Ford GoBike sar agrave; accessibile dagli utenti attraverso la piattaforma FordPass. nbsp;
Ford prevede di sviluppare tecnologie per utilizzare i dati raccolti dalle bike e costruire una rete di mobilit agrave; interconnessa. Queste potrebbero includere dati in tempo reale, come le condizioni meteo, i modelli di utilizzo e la disponibilit agrave; di biciclette, al fine di ottimizzare gli spostamenti.
L rsquo;Ovale Blu ha inoltre creato City Solutions, un team all rsquo;interno di Ford Smart Mobility dedicato allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilit agrave; nelle citt agrave; pi ugrave; importanti del mondo. John Kwant egrave; stato designato come Vice President di Ford City Solutions, a seguito dell rsquo;esperienza maturata lavorando con diverse metropoli globali nel corso della sua carriera all rsquo;interno del team Government Affairs e Global Strategy di Ford.
Il team affronter agrave; lo specifico ecosistema del trasporto di ogni citt agrave; nella sua evoluzione nel tempo, e svilupper agrave; soluzioni per migliorare la mobilit agrave; adatte alle specificit agrave; locali. Ford City Solutions lavorer agrave; a stretto contatto con le realt agrave; amministrative locali, proponendo soluzioni innovative e su misura per la comunit agrave;. In diverse citt agrave; globali le discussioni sono gi agrave; in corso.

]]>
A Monterotondo Marittimo coltivati pomodori in serre riscaldate dalla geotermia http://www.impresagreen.it/news/8014/a-monterotondo-marittimo-coltivati-pomodori-in-serre-riscaldate-dalla-geotermia.html.html Fri, 16 Sep 2016 10:52:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8014/a-monterotondo-marittimo-coltivati-pomodori-in-serre-riscaldate-dalla-geotermia.html  Presentato alla popolazione il progetto di Etruria Royal Fruit, Georto Green Tech e Enel. Un investimento da oltre un milione di euro in 1,2 ettari di terreno. Nuovi posti di lavoro.

]]>
Dal bando alla presentazione del progetto egrave; trascorso un anno. E adesso egrave; arrivato il momento di partire: a Monterotondo Marittimo si coltiveranno pomodori in serre riscaldate dal calore geotermico, grazie a un progetto realizzato da Etruria Royal Fruit con Georto Green Tech e Enel Green Power.
laquo;E' un giorno importante ndash; ha detto Giacomo Termine, sindaco di Monterotondo Marittimo, presentando ufficialmente l'iniziativa alla popolazione ndash; perch eacute; egrave; la fine di un percorso, anche complicato, iniziato un anno fa. C'era la volont agrave; di creare insediamenti produttivi per attrarre investimenti privati e di conseguenza occupazione e sviluppo, anche per l'indotto. Con il nostro bando abbiamo cercato di pubblicizzare un'opportunit agrave; per investire a Monterotondo sfruttando una delle nostre risorse principali, il calore geotermico. Dopo un anno di lavoro possiamo vedere che il bando ha prodotto risultati: abbiamo trovato un soggetto privato che si egrave; aggiudicato un terreno in diritto di superficie sul quale realizzare un investimento da oltre un milione di euro. E ora presentiamo ai cittadini il risultato raquo;.
Il Comune ha potuto contare sulla collaborazione della Regione, all'insegna della sinergia tra enti pubblici: laquo;La Regione ha agito da facilitatore ndash; conferma Fabio Fabbri, dirigente del settore agricoltura della Regione Toscana ndash; nella prima fase di autorizzazione dell'attivit agrave;, offrendo un supporto al Comune di Monterotondo per realizzare un progetto con finalit agrave; occupazionali su un'area che si sta riconvertendo. La Regione, tramite i Piani di sviluppo rurale, rende disponibili risorse pubbliche: i prossimi bandi, in autunno, metteranno a disposizione 20 milioni di euro alle imprese raquo;.
Ad aggiudicarsi il bando del Comune di Monterotondo Marittimo egrave; stata Etruria Royal Fruit, societ agrave; agricola che raggruppa aziende grossetane e livornesi. laquo;Andremo a realizzare a Monterotondo Marittimo ndash; spiega Claudio Capitani, progettista di Etruria Royal Fruit ndash; un impianto serricolo su un terreno di 1,2 ettari in cui saranno coltivati principalmente pomodori tramite un sistema innovativo, sicuramente all'avanguardia, cio egrave; utilizzare il calore geotermico per il riscaldamento delle serre. nbsp;Tra i fattori che hanno reso particolarmente appetibile questo territorio c' egrave; quello di poter usufruire del calore geotermico per il riscaldamento delle serre, che sar agrave; fornito da Enel raquo;.
I pomodori coltivati saranno poi distribuiti dalle aziende di Etruria Royal Fruit nelle catene di distribuzione di tutta la costa toscana. Georto Green Tech egrave; la societ agrave; che andr agrave; a realizzare l'impianto. laquo;L'aspetto decisivo che mi ha indotto a investire ndash; dice Giacomo Anterminelli, imprenditore agricolo locale, socio di maggioranza di Georto Green Tech ndash; egrave; senza dubbio la possibilit agrave; di utilizzare l'energia geotermica. Nel nostro lavoro i margini sono talmente limitati che avere un'occasione di fornitura di vapore per riscaldare le serre, particolare che incide tantissimo sulla produzione dei pomodori e altro, egrave; stato il passo in pi ugrave; che ci ha fatto decidere di crederci e metterci la faccia raquo;.
A fornire il calore geotermico sar agrave; Enel Green Power. laquo;Abbiamo accolto molto volentieri ndash; dice Francesco Lazzeri di Enel Green Power ndash; l'invito a partecipare a questa iniziativa, perch eacute; egrave; importante per noi stare vicino al territorio ed essere motore dello sviluppo, sia nella nostra attivit agrave; principale che in tutto quello che pu ograve; nascere a fianco delle nostre centrali. Ci sono esempi gi agrave; avviati, che ci lusingano, e adesso cerchiamo di dare un contributo anche a questa nuova iniziativa con le serre nel Comune di Monterotondo Marittimo. La geotermia offre l'opportunit agrave; di utilizzare una risorsa disponibile nell'agricoltura e nella trasformazione di prodotti agricoli. E' importante per quei business che necessitano di molta energia e molto calore, in modo da essere competitivi sul mercato raquo;.

]]>
ANIE Rinnovabili incontra il GSE http://www.impresagreen.it/news/8013/index.html.html Fri, 16 Sep 2016 10:44:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8013/index.html  Le parti si sono confrontate su diversi temi, tra i quali la rigenerazione della tecnologia fotovoltaica, le certificazioni di prodotto e di sistema anche riferite ai sistemi di accumulo, le procedure di comunicazione degli interventi e relativi costi di istruttoria.

]]>
ANIE Rinnovabili ha incontrato il GSE per discutere delle procedure per l'effettuazione degli interventi di manutenzione e ammodernamento sugli impianti da fonte rinnovabile come previsto dall'art.30 "Interventi sugli impianti in esercizio" del DM 23 giugno 2016.
L'attenzione si egrave; focalizzata prevalentemente sugli impianti fotovoltaici per i quali egrave; attesa la pubblicazione del nuovo Documento Tecnico di Riferimento. Le parti hanno convenuto di promuovere successivi incontri per confrontarsi sulle procedure riguardanti le altre fonti rinnovabili, in particolar modo l'eolico.
Il Presidente del GSE Francesco Sperandini ha confermato che, nel perseguire e conseguire gli obiettivi di sostenibilit agrave; ambientale, il GSE guarda con favore alla massimizzazione della produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, all'interno delle risorse monetarie assegnate attraverso interventi di manutenzione e di ammodernamento del parco produttivo installato.
Il Presidente di ANIE Rinnovabili Alberto Pinori condividendo tale principio, confida che le tecnologie pi ugrave; mature incrementeranno le performance degli impianti rinnovabili in ottica di partecipazione al mercato elettrico. nbsp;
Pinori apprezza il lavoro svolto dal GSE ed egrave; fiducioso per il futuro, perch eacute; tali procedure sono il tassello mancante che potr agrave; mobilitare nuovi investimenti per revamping o per repowering degli impianti mediante l'utilizzo di tecnologie pi ugrave; mature e pi ugrave; efficienti, consentendo di incrementare la produzione di energia elettrica a tutela della sostenibilit agrave; ambientale.
ANIE Rinnovabili ritiene che attraverso confronti come quello appena conclusosi col GSE basati su correttezza reciproca e collaborazione si possano ottenere i migliori risultati per il settore delle rinnovabili e per il sistema paese.

]]>
Sostenibile, condivisa e circolare: l'auto del futuro al Forum Innovazione mobilità sostenibile http://www.impresagreen.it/news/8012/sostenibile-condivisa-e-circolare-l-auto-del-futuro-al-forum-innovazione-mobilita-sostenibile.html.html Fri, 16 Sep 2016 10:27:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8012/sostenibile-condivisa-e-circolare-l-auto-del-futuro-al-forum-innovazione-mobilita-sostenibile.html  Al Forum Innovazione Mobilità Sostenibile, il 1 ottobre a Brescia, si danno appuntamento i principali player del comparto per fare il punto sul futuro dell'auto italiana.

]]>
Si svolger agrave; il 1 ottobre, dalle 9.30 alle 13.30 presso l'Universit agrave; degli Studi di Brescia, laprima edizione del Forum Innovazione Mobilit agrave; Sostenibile, appuntamento che raduna nbsp; importanti player del settore per affrontare i grandi cambiamenti in atto nel mondo dell'automotive.
L'emergere della mobilit agrave; elettrica, la trasformazione dei modelli economici della circular economy, il nuovo modello di sviluppo industriale mondiale inaugurato dalla conferenza di Parigi, verso un mondo a basse emissioni, le trasformazioni sempre pi ugrave; rapide della sharing economy, che vede nel car sharing il suo modello pi ugrave; innovativo stanno modificando radicalmente il comparto a livello mondiale.
La sfida del Forum Innovazione Mobilit agrave; Sostenibile, primo evento di alto livello in Italia per raccontare le trasformazioni del settore del XXI secolo, sar agrave; quello di mettere in relazione elementi apparentemente lontani, ma che in realt agrave; contribuiscono a delineare unoscenario omogeneo e in rapida trasformazione.
Il Forum si terr agrave; presso l'aula di Economia del polo di Contrada Santa Chiara, a Brescia, ospitato all'interno di Supernova, il festival dell'innovazione e della creativit agrave; promosso da Talent Garden.
Quali tecnologie emergeranno prepotentemente? Come la sostenibilit agrave; diventer agrave; un asset strategico per le imprese? Perch eacute; l'economia circolare sar agrave; un vantaggio competitivo? Quali regole emergeranno nei prossimi anni a partire dall'accordo sul clima? In che direzione vanno l'Europa e gli USA?
Sono tante le domande a cui il Forum Innovazione Mobilit agrave; Sostenibile cercher agrave; di rispondere attraverso gli interventi di Carlo Carraro dell'Universit agrave; di Venezia, Gianni Silvestrini del Kyoto Club, Andrea Bianchi direttore area Politiche Industriali di Confindustria.
Si rifletter agrave; anche sul futuro industriale del settore mobilit agrave; del paese con un talk showcon il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, la deputata italiana Chiara Braga, Anna Donati del Comitato Scientifico Rete Mobilita Nuova, Pietro Menga direttore del CIVES - Commissione Italiana Veicoli Elettrici a Batteria, Ibridi e a Celle a Combustibile e Andrea Poggio, responsabile mobilit agrave; Legambiente.
laquo;Il settore automobilistico egrave; rimasto molto silenzioso in questi anni sulle trasformazioni che stanno lo investendo in tutto il mondo ndash; spiega Gianni Silvestrini di Kyoto Club, uno degli ideatori del forum - sia sul prodotto (che auto guideremo domani), sia sul processo (come egrave; possibile realizzare auto in maniera realmente sostenibile e efficiente) sia sul modello di business (dal possesso all'uso del mezzo di trasporto) raquo;.
Un Forum innovativo anche nel formato, fatto di interventi brevi e tavole rotonde in stile talk show, con regole di ingaggio chiare e presentazioni accattivanti. laquo;Abbiamo organizzato questo evento a Brescia poich eacute; la citt agrave; egrave; uno dei pi ugrave; grandi cluster di produttori di componenti per automobili raquo;, spiega Emanuele Bompan, co-ideatore dell'evento. laquo;Non vogliamo che il Forum Innovazione Mobilit agrave; Sostenibile sia la classica conferenza. Vogliamo che crei una reazione nel settore automobilistico e faccia prendere consapevolezza ai tanti player italiani che il mercato e i processi produttivi stanno cambiando. Dall'economia circolare al car sharing, tra pochi anni l'auto e la catena di produzione saranno radicalmente diverse. Questo processo egrave; gi agrave; iniziato raquo;.


Data e Location: nbsp;1 ottobre 2016 ndash; Aula di Economia, Universit agrave; degli Studi di Brescia. Contrada S. Chiara n. 50, Brescia

PROGRAMMA FORUM INNOVAZIONE MOBILIT Agrave; SOSTENIBILE

Ore 9:45-10.30
Il mondo dopo la COP21. Un'opportunit agrave; per il settore industriale nbsp;
Questa session presenta brevemente l'accordo di Parigi e la trasformazione della politica di sviluppo economica globale
  • Carlo Carraro - nbsp;FEEM nbsp;
    "L'accordo di Parigi spiegato. Perch eacute; ha sconvolto il mondo industriale
  • Gianni Silvestrini - nbsp;Kyoto Club e presidente di GBC Italia nbsp;
    "2 deg;C. Innovazioni radicali per vincere la sfida del clima e trasformare l'economia"

Ore 10.30 - 11.40 nbsp;
Innovazione di Processo e Business
  • Gianni Martino - nbsp;Country Manager Italy amp; Spain Car2Go nbsp;
    "Car Sharing. Un rischio o un'opportunit agrave; per il settore mobilit agrave;?"
  • Ernesto Ciorra - nbsp;Direttore di Innovazione e Sostenibilit agrave; ENEL
    "Un'infrastruttura per la mobilit agrave; elettrica"
  • Andrea Bianchi - nbsp;Confindustria, Direttore Area Politiche industriali nbsp;
    "Una nuova direzione industriale" nbsp;

Ore 12.00 - 13.15 nbsp;
Tavola rotonda Istituzionale ndash; Talk Show condotto da Emanuele Bompan. nbsp;
Verso una nuova politica industriale dei trasporti?
nbsp;
  • Graziano del Rio - nbsp;Ministro dei Trasporti (invitato)
  • Chiara Braga - nbsp;deputata e responsabile Ambiente partito Democratico
  • Pietro Menga - nbsp;Presidente CIVES, Commissione Italiana Veicoli Elettrici a Batteria, Ibridi e a Celle a Combustibile FCA
  • Anna Donati - nbsp;Comitato Scientifico Rete Mobilita Nuova
  • Andrea Poggio - nbsp;Legambiente, responsabile mobilit agrave;
Maggiori informazioni su nbsp;www.mobilityinnovationforum.it

]]>
Jaguar Land Rover espande la famiglia dei motori Ingenium http://www.impresagreen.it/news/8011/jaguar-land-rover-espande-la-famiglia-dei-motori-ingenium.html.html Thu, 15 Sep 2016 10:14:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8011/jaguar-land-rover-espande-la-famiglia-dei-motori-ingenium.html  Le nuove tecnologie propulsive supportano l'impegno dell'azienda nella riduzione delle emissioni e nel miglioramento dei consumi di carburante.

]]>
Jaguar Land Rover accresce la sua famiglia di motori, rivelando anche quali saranno le nuove tecnologie a disposizione per gli attuali veicoli e quelli del futuro.
Queste novit agrave;, supporteranno l'impegno a lungo termine dell'azienda nella riduzione delle emissioni e nel miglioramento dei consumi di carburante su tutta la gamma dei veicoli, attraverso l'introduzione di motori pi ugrave; efficienti, sistemi di propulsione alternativi, veicoli pi ugrave; leggeri e una migliore conservazione energetica del veicolo.
Il cuore di questa strategia per la riduzione delle emissioni egrave; il nuovo motore benzina quattro cilindri Ingenium, attualmente in produzione nell'Engine Manufacturing Centre di Jaguar Land Rover.
Ideati, progettati e costruiti nel Regno Unito, questi motori sono i pi ugrave; avanzati mai sviluppati dall'azienda. Saranno in grado di offrire oltre il 25% in pi ugrave; di potenza rispetto alle unit agrave; che andranno a sostituire ed nbsp; offriranno un consumo di carburante ridotto di oltre il 15%.

]]>
E.ON realizzerà uno dei primi sistemi di batterie commerciali per la rete elettrica britannica http://www.impresagreen.it/news/8010/e-on-realizzera-uno-dei-primi-sistemi-di-batterie-commerciali-per-la-rete-elettrica-britannica.html.html Wed, 14 Sep 2016 10:03:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8010/e-on-realizzera-uno-dei-primi-sistemi-di-batterie-commerciali-per-la-rete-elettrica-britannica.html  La batteria verrà costruita all’impianto E.ON di Blackburn Meadows, vicino a Sheffield, ed entrerà in funzione all’inizio del 2018.

]]>
E.ON nbsp;ha reso noto di avere siglato un contratto con National Grid, operatore della rete britannica di trasmissione dell'energia elettrica, per rafforzare la stabilit agrave; della rete con un rsquo;innovativa batteria. Con la forte crescita delle energie rinnovabili la cui produzione elettrica egrave; soggetta alle condizioni atmosferiche, il flusso di energia immesso nella rete egrave; diventato sempre pi ugrave; incostante; National Grid ha quindi lanciato un bando per lo sviluppo di una soluzione a questo problema.
La batteria allo ione di litio sviluppata da E.ON ha una potenza di 10MW, delle dimensioni di quattro container, pu ograve; fornire elettricit agrave; sufficiente ad alimentare circa 100 vetture elettriche.
Il progetto egrave; uno degli otto selezionati da National Grid tra 243 proposte e aiuter agrave; a bilanciare meglio la domanda e l rsquo;offerta in tempo reale, assicurando che la qualit agrave; della fornitura di elettricit agrave; sia costante e rendendo addirittura possibile aumentare la quantit agrave; di energia rinnovabile immessa nella rete.
Karsten Wildberger, membro del board E.ON, ha commentato: ldquo;Siamo felici di poter realizzare una delle prime batterie commerciali del Regno Unito. Egrave; un importante traguardo per il nuovo corso di E.ON e un importante riconoscimento dell rsquo;enorme potenziale offerto da queste soluzioni. Continueremo a lavorare su nuove soluzioni di stoccaggio energetico che vanno oltre la continuit agrave; della fornitura di elettricit agrave;, ad esempio combinando applicazioni per incoraggiare l rsquo;autoconsumo, bilanciare i picchi di flusso e migliorare i servizi da noi offerti a clienti industriali e commerciali rdquo;.

]]>
Sostenibilità: al via la partnership tra LifeGate e Copernico http://www.impresagreen.it/news/8009/index.html.html Tue, 13 Sep 2016 09:24:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8009/index.html  Obiettivo: Realizzare una visione condivisa di sviluppo e innovazione sostenibile.

]]>
LifeGate, punto di riferimento in Italia sui temi della sostenibilit agrave;, media network di comunicazione e fornitore di servizi concreti, sia nel campo della consulenza e comunicazione, sia nella vendita di energia rinnovabile ed efficientamento energetico e Copernico-Where Things Happen, piattaforma dedicata allo smart working e azienda italiana leader nella gestione di immobili a uso ufficio, annunciano l rsquo;avvio di una partnership legata all rsquo;integrazione di una visione condivisa di sviluppo e innovazione sostenibile.
La partnership prender agrave; corpo da qui ai prossimi mesi partendo da progetti legati all rsquo;energia rinnovabile e all rsquo;alimentazione sostenibile; In particolare con riferimento a quest rsquo;ultimo tema, l rsquo;attivit agrave; sar agrave; focalizzata sulla condivisione di contenuti e progetti innovativi riguardanti il settore alimentare e il food service. LifeGate, infatti, metter agrave; a disposizione di Copernico - Where Things Happen la propria expertise, fornendo consulenza sia nella redazione delle linee guida di men ugrave; sostenibili a supporto dei servizi di ristorazione di Copernico - Where Things Happen presenti nelle realt agrave; di Copernico Milano Centrale, Blend Tower e Clubhouse Brera, sia per quanto concerne la strumentazione a corredo e i prodotti sostenibili.
LifeGate, inoltre, affiancher agrave; Copernico Where Things Happen nella stesura di una Carta d rsquo;intentit agrave; sull rsquo;alimentazione, documento che decliner agrave; i valori di riferimento e gli impegni che Copernico si assume nella gestione delle proprie attivit agrave; in campo alimentare.La partnership prevede anche lo sviluppo e condivisione di progetti ed eventi innovativi come l rsquo;adesione del servizio di catering dell rsquo;azienda al progetto Impatto Zero, l rsquo;iniziativa di LifeGate che calcola, riduce e compensa le emissioni di CO2 nbsp;generate dalle attivit agrave; di persone ed enti, eventi e prodotti, aziende e organizzazioni.Presso Clubhouse Brera sar agrave; organizzato un ciclo di incontri nei quali personaggi di spicco saranno chiamati a raccontare la loro esperienza nel campo dell rsquo;innovazione sostenibile.
La prima di queste conferenze egrave; in programma per il prossimo 13 settembre con l rsquo;intervento di Giorgio Santambrogio, accademico e A.D. di Gruppo V eacute;G eacute;, che parler agrave; di sostenibilit agrave; nella GDO. Un altro ciclo di incontri all rsquo;insegna dell rsquo;informalit agrave; e della condivisione della conoscenza avr agrave; luogo presso gli spazi di Copernico Milano Centrale. Si tratter agrave; di learning lunch organizzati durante la pausa pranzo, nei quali un ospite introdurr agrave; un tema con un breve intervento per poi lasciare spazio al dibattito tra i commensali. Il primo incontro in calendario egrave; previsto il 21 settembre con lo speech di Stefano Corti, General Manager di LifeGate, sui risultati del secondo Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile.

]]>
Olivetti presenta a Trento il progetto Smart Clean Air http://www.impresagreen.it/news/8008/index.html.html Tue, 13 Sep 2016 09:19:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8008/index.html  Polo digitale del Gruppo TIM, Olivetti ha un know-how rilevante nella Industry 4.0, e Smart Clean Air è un esempio dalle caratteristiche tecniche e di efficacia particolarmente interessanti.

]]>
Olivetti, nell rsquo;ambito della manifestazione ldquo;Trento Smart City rdquo; (dal 10 al 15 settembre), presenta il progetto IoT Smart Clean Air per il monitoraggio della qualit agrave; dell rsquo;aria e l rsquo;abbattimento delle polveri sottili in zone altamente frequentate.
La soluzione Smart Clean Air, attraverso un dispositivo APA (Air Pollution nbsp; Abatement) collegato alla piattaforma IoT di Olivetti e a un rsquo;applicazione in Cloud, rileva i principali agenti inquinanti sia in ambienti interni sia esterni, invia i dati raccolti all rsquo;applicazione in cloud e, gestita da remoto, egrave; in grado di aspirare aria inquinata e restituire aria pulita.Il sistema egrave; composto da un modulo di telemetria che trasmette i dati rilevati all rsquo;applicazione in Cloud, un ldquo;naso elettronico rdquo; costituito da sensori nbsp; per la rilevazione di particolato (PM10, IPA), metalli pesanti e altre sostanze nocive; infine nbsp;da uno scrubber che effettua la bonifica consentendo l rsquo;abbattimento delle sostanze inquinanti (PM 10 ~ 99%) senza l rsquo;utilizzo di filtri e senza generare rifiuti speciali.
Smart Clean Air richiede una manutenzione a frequenza ridotta, consumi energetici molto limitati, ed egrave; particolarmente indicata per ambienti industriali, sedi di uffici o fabbriche, cos igrave; come per aree outdoor ad alta frequentazione, quali per esempio stazioni ferroviarie e metropolitane, centri commerciali o fermate di autobus. nbsp;

]]>
Veicoli a gas naturale liquefatto per GLS Italy http://www.impresagreen.it/news/8007/index.html.html Mon, 12 Sep 2016 10:16:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8007/index.html  GLS è uno dei primi corrieri espresso in Italia che utilizza mezzi di linea alimentati a gas naturale liquefatto. Così, anche i tragitti lunghi diventano sempre più verdi.

]]>
GLS nbsp;Italy nbsp;ha nbsp;testato nbsp;per nbsp;diversi nbsp;mesi nbsp;un nbsp;mezzo nbsp;di nbsp;linea nbsp;alimentato nbsp;a nbsp;gas nbsp;naturale nbsp;liquefatto nbsp;(LNG). nbsp;Il nbsp;risultato nbsp; egrave; nbsp;stato nbsp;positivo nbsp;e nbsp;presto nbsp;ne nbsp;entreranno nbsp;in nbsp;servizio nbsp;altri.
Il nbsp;nuovo nbsp;camion nbsp;ha nbsp;iniziato nbsp;la nbsp;fase nbsp;di nbsp;prova nbsp;sui nbsp;circa nbsp;550 nbsp;chilometri nbsp;tra nbsp;l'hub nbsp;di nbsp;Padova nbsp;e nbsp;una nbsp;Sede nbsp;di nbsp;Pavia, nbsp;trasportando nbsp;in nbsp;media nbsp;800 nbsp;spedizioni nbsp;al nbsp;giorno. nbsp;Durante nbsp;il nbsp;test nbsp;GLS nbsp;Italy nbsp;ha nbsp;aggiunto nbsp;ulteriori nbsp;tratte nbsp;verso nbsp;altri nbsp;hub nbsp;e nbsp;Sedi. nbsp;Entro nbsp;fine nbsp;2016 nbsp;il nbsp;corriere nbsp;espresso nbsp;si nbsp;appresta nbsp;a nbsp;introdurre nbsp;tre nbsp;mezzi nbsp;a nbsp;gas nbsp;naturale nbsp;liquefatto nbsp;anche nbsp;per nbsp;coprire nbsp;l'"ultimo nbsp;miglio".
Il nbsp;gas nbsp;naturale nbsp;liquefatto, nbsp;o nbsp;LNG, nbsp; egrave; nbsp;metano nbsp;convertito nbsp;allo nbsp;stato nbsp;liquido nbsp;alla nbsp;temperatura nbsp;di nbsp;-161 deg;C; nbsp;in nbsp;queste nbsp;condizioni nbsp;occupa nbsp;solo nbsp;1/600 nbsp;del nbsp;suo nbsp;volume nbsp;allo nbsp;stato nbsp;gassoso. nbsp;
Rispetto nbsp;al nbsp;carburante nbsp;diesel nbsp;il nbsp;LNG nbsp; egrave; nbsp;notevolmente nbsp;pi ugrave; nbsp;silenzioso, nbsp;genera nbsp;meno nbsp;emissioni nbsp;e nbsp;non nbsp;produce nbsp;particolato. nbsp;Un nbsp;ulteriore nbsp;vantaggio nbsp;risiede nbsp;nei nbsp;bassi nbsp;costi nbsp;di nbsp;gestione. nbsp;Se nbsp;conservato nbsp;in nbsp;serbatoi nbsp;a nbsp;isolamento nbsp;termico, nbsp;il nbsp;LNG nbsp;si nbsp;mantiene nbsp;freddo nbsp;e nbsp;liquido nbsp;fino nbsp;a nbsp;sei nbsp;settimane.

]]>
Terna confermata per l’ottavo anno consecutivo nell’indice Dow Jones Sustainability http://www.impresagreen.it/news/8006/index.html.html Mon, 12 Sep 2016 09:34:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8006/index.html  Le performance ambientali registrano il punteggio più alto nel settore Electric Utilities. Massimo punteggio (100/100) nel nuovo criterio sulla materialità.

]]>
I risultati della review annuale dell rsquo;agenzia svizzera di rating di sostenibilit agrave; RobecoSAM confermano per l rsquo;ottavo anno consecutivo la presenza di Terna fra le prime posizioni del prestigioso Dow Jones Sustainability Index World che valuta oltre 2000 aziende al mondo.
L rsquo;inclusione egrave; particolarmente significativa perch eacute; sono solo 6 le aziende italiane confermate nell rsquo;indice, che registra con la massima autorevolezza i 316 campioni mondiali di sostenibilit agrave;.
Il Gruppo si egrave; aggiudicato 97/100, in aumento di 3 punti rispetto al 2015, nella dimensione ambientale posizionandosi al livello pi ugrave; alto nel settore Electric Utilities.
Migliora di 3 punti percentuali anche il risultato nella dimensione economica, quella che valuta la qualit agrave; della gestione e gli aspetti come il risk management, l rsquo;anticorruzione, la gestione della catena di fornitura e l rsquo;applicazione del principio di materialit agrave;, dove Terna ha raggiunto il massimo del punteggio. Il criterio della materialit agrave;, di nuova introduzione, riconosce la coerenza dell rsquo;approccio di sostenibilit agrave; di Terna, dall'identificazione dei temi pi ugrave; fortemente connessi con la creazione di valore alla loro gestione attraverso politiche e strumenti dedicati, inclusa l rsquo;executive compensation.
ldquo;Questa nuova conferma nel Dow Jones Sustainability Index ci rende particolarmente orgogliosi poich eacute; riconosce a Terna uno standing internazionale ai massimi livelli anche sui temi della sostenibilit agrave; rdquo;, ha commentato l rsquo;Amministratore Delegato di Terna Matteo Del Fante. ldquo;Il risultato di oggi premia la nostra capacit agrave; di fare business in modo sostenibile e trasparente e, al tempo stesso, rappresenta per il Gruppo un rsquo;indicazione preziosa su come orientare le nostre decisioni per migliorare ancora. rdquo;

]]>
Ufficializzato il calendario autunnale del Greener Tour di Alpac Academy http://www.impresagreen.it/news/8005/ufficializzato-il-calendario-autunnale-del-greener-tour-di-alpac-academy.html.html Fri, 09 Sep 2016 15:32:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8005/ufficializzato-il-calendario-autunnale-del-greener-tour-di-alpac-academy.html  Numerosi gli appuntamenti con la formazione professionale in programma a partire dal 19 settembre, con tappe a Monza, Rimini e Pisa.

]]>
E rsquo; tutto pronto per il nuovo calendario autunnale del Greener Tour di ALPAC ACADEMY che riprende i suoi appuntamenti formativi dedicati ai professionisti della filiera delle costruzioni. nbsp;
Prima tappa il 19 settembre a Monza, si prosegue poi con Rimini, Vicenza e Pis
a, con un ultimo intervento a Genova in novembre. Come sempre ALPAC riserver agrave; ai partecipanti un aggiornamento qualificato, focalizzandosi sulle soluzioni pi ugrave; avanzate e sulle normative e situazioni pi ugrave; recenti in tema di risparmio energetico e di isolamento termico nel punto cruciale del giunto primario della finestra (muro-contro telaio), dove l rsquo;azienda vanta know-how e competenza ai massimi livelli. Incontri che si confermano essere fonte di stimoli e di nuove conoscenze, oltre a piattaforme utili di confronto e scambio d rsquo;informazioni per architetti, ingegneri e progettisti che hanno l rsquo;opportunit agrave; di mantenere aggiornata la propria professione con argomenti in linea alle moderne richieste di sostenibilit agrave;. nbsp;
ldquo;Progettare, Costruire, Abitare A+ rdquo; egrave; il titolo del primo in programma a Monza per il prossimo 19 settembre, organizzato da Abitare A+, che tratter agrave; il tema dell rsquo;involucro edilizio e dei materiali performanti nella realizzazione di edifici ad alta efficienza e nella riqualificazione energetica. Questo seminario sar agrave; poi riproposto in altre province italiane, il 7 ottobre a Milano e il 10 novembre a Roma e Pescara. nbsp;Il 21 settembre, a Rimini ALPAC interviene sul ldquo;Costruire e rigenerare sostenibile rdquo; nell rsquo;ambito di FutureBuild Meeting 2016, di particolare e sicuro interesse per i progettisti che intendono approfondire il tema della Smart Home e le componenti dell rsquo;involucro degli edifici, degli impianti di controllo di comfort interno e della sicurezza. nbsp;
Sar agrave; invece organizzato da ALPAC, l rsquo;incontro del 23 settembre a Vicenza, un seminario tecnico a tema ldquo;Salubrit agrave;, Comfort, Risparmio Energetico rdquo;. L rsquo;impresa vicentina, punto di riferimento nel settore del foro finestra, ha voluto affrontare l rsquo;argomento da un diverso punto di vista, partendo dalla salubrit agrave; indoor, poich eacute; se la progettazione di performance termiche importanti inizia a essere una pratica diffusa, non sempre equivale al reale funzionamento dell rsquo;edificio e al controllo della qualit agrave; dell rsquo;aria negli ambienti confinanti. Oggi la salubrit agrave; indoor egrave; un importante parametro di benessere, che tiene in considerazione importanti parametri come la radiazione termica e quella luminosa. nbsp;
ldquo;Rigenera: sostenibilit agrave;, materiali, benessere e comfort per il futuro dell rsquo;edilizia rdquo; sar agrave; il contenuto dell rsquo;ultimo appuntamento di questo ciclo autunnale che si terr agrave; il 13 ottobre a Pisa e sar agrave; riproposto il 17 novembre a Genova. Organizzato dall rsquo;Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma, in collaborazione con Maggioli Editore e con il Patrocinio del Collegio provinciale dei Geometri di Roma, tratter agrave; i temi della sostenibilit agrave;, dei materiali, del benessere e del comfort nell rsquo;edilizia, con la partecipazione e la direzione scientifica di Norbert Lantschner ndash; Presidente Fondazione ClimAbita. nbsp;
Per informazioni, iscrizioni e programma: http://www.alpac.it/it/academy.

]]>
Telecom Italia industry leader nel settore delle telecomunicazioni negli indici di sostenibilità Dow Jones http://www.impresagreen.it/news/8004/telecom-italia-industry-leader-nel-settore-delle-telecomunicazioni-negli-indici-di-sostenibilita-dow-jones.html.html Fri, 09 Sep 2016 15:26:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8004/telecom-italia-industry-leader-nel-settore-delle-telecomunicazioni-negli-indici-di-sostenibilita-dow-jones.html  Telecom Italia è stata confermata per il tredicesimo anno consecutivo nei Dow Jones Sustainability Indexes World e Europe ed è l’unica azienda italiana ad essere leader nel proprio settore industriale.

]]>
Telecom Italia si conferma per il tredicesimo anno consecutivo nei Dow Jones Sustainability Indexes World (DJSI World) e Europe (DJSI Europe) e viene riconosciuta lsquo;industry leader rsquo; nel settore delle telecomunicazioni con il punteggio di 90/100: egrave; l rsquo;unica azienda italiana ad ottenere tale riconoscimento nel proprio settore industriale.
La revisione annuale per l rsquo;ammissione agli Indici di Sostenibilit agrave; del Dow Jones avviene a seguito di un rigoroso processo di valutazione dell rsquo;azienda svolto da agenzie di rating specializzate che, sulla base di oltre 100 domande, ne analizzano la performance finanziaria e non, sulla base di criteri di natura generale e settoriale, che considerano tra gli altri le relazioni con i clienti e le persone del gruppo, l rsquo;innovazione e la ricerca, la gestione dei rischi, le strategie relative ai cambiamenti climatici, la catena di fornitura e l rsquo;analisi degli impatti socio-ambientali del business.
Si tratta di un riconoscimento importante che conferma l rsquo;impegno del Gruppo nell rsquo;integrazione della sostenibilit agrave; all rsquo;interno della strategia aziendale, rendendola veicolo per la creazione di valore economico e sociale (Corporate Shared Value).
La presenza di Telecom Italia negli Indici di Sostenibilit agrave; Dow Jones si affianca alla partecipazione del Gruppo in altri importanti indici mondiali di sostenibilit agrave; e sistemi di valutazione, come la serie di indici FTSE4Good e Euronext Vigeo Eiris.
La presenza di un rsquo;azienda negli indici di sostenibilit agrave; egrave; un elemento di crescente interesse nella valutazione degli investitori che, con sempre maggiore frequenza, prendono in considerazione anche parametri non finanziari nelle loro scelte di portafoglio, ritenendo le aziende sostenibili meno rischiose nel medio-lungo termine rispetto ad aziende che non soddisfano requisiti di natura ambientale, sociale e di governance.

]]>
Enel: definito il prezzo dell'opa su Endesa Americas http://www.impresagreen.it/news/8003/index.html.html Fri, 09 Sep 2016 10:24:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8003/index.html  L’incremento del prezzo dell’OPA a 300 da 285 pesos cileni per azione intende offrire alle minoranze azionarie di Endesa Américas la possibilità di liquidare le partecipazioni possedute nel caso in cui la prossima fusione della società in Enersis Américas venga approvata Fissata al prossimo 13 settembre la data del lancio dell’OPA.

]]>
Enel ha reso noto nbsp;che il Consiglio di Amministrazione della societ agrave; controllata Enersis Am eacute;ricas nbsp;ha adottato alcune determinazioni in merito all rsquo;offerta pubblica di acquisto ( ldquo;OPA rdquo;) volontaria che la stessa Enersis Am eacute;ricas lancer agrave; sulle azioni della societ agrave; controllata Endesa Am eacute;ricas.
In particolare, il Consiglio di Amministrazione di Enersis Am eacute;ricas ha fissato in via definitiva in 300 pesos cileni per azione (rispetto ai 285 pesos cileni per azione da ultimo annunciati il 17 dicembre 2015) il prezzo dell rsquo;OPA che avr agrave; ad oggetto la totalit agrave; delle azioni e delle American Depositary Shares di Endesa Am eacute;ricas non possedute da Enersis Am eacute;ricas e pari a circa il 40,02% del capitale sociale di Endesa Am eacute;ricas.
Il Consiglio di Amministrazione di Enersis Am eacute;ricas ha inoltre annunciato che il lancio ufficiale dell rsquo;OPA avverr agrave; il prossimo 13 settembre, data in cui tutti i dettagli dell rsquo;offerta saranno resi noti.
Si ricorda che la suddetta OPA, preannunciata fin dal mese di novembre 2015 nell rsquo;ambito della riorganizzazione societaria del Gruppo Enel in America Latina, egrave; finalizzata ad agevolare e supportare il buon esito della fusione per incorporazione di Endesa Am eacute;ricas e dell rsquo;altra controllata cilena Chilectra Am eacute;ricas S.A. in Enersis Am eacute;ricas, operazione sulla quale gli azionisti delle societ agrave; coinvolte saranno chiamati a deliberare in occasione delle rispettive Assemblee straordinarie convocate per il prossimo 28 settembre, ed alla cui approvazione la medesima offerta sar agrave; condizionata. In tale contesto, l rsquo;incremento del prezzo dell rsquo;OPA intende offrire in concreto alle minoranze azionarie di Endesa Am eacute;ricas la possibilit agrave; di liquidare le partecipazioni possedute nel caso in cui la fusione sopra indicata venga approvata.

]]>
Dow Jones Sustainability Index: Coca-Cola HBC leader globale di sostenibilità http://www.impresagreen.it/news/8002/dow-jones-sustainability-index-coca-cola-hbc-leader-globale-di-sostenibilita.html.html Thu, 08 Sep 2016 16:08:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8002/dow-jones-sustainability-index-coca-cola-hbc-leader-globale-di-sostenibilita.html  DJSI, uno dei ranking di sostenibilità per aziende più autorevoli e affidabili, riconosce Coca-Cola Hellenic Bottling Company per la sua brillante performance di sostenibilità.

]]>
Coca-Cola HBC, uno dei principali imbottigliatori dei brand di The Coca-Cola Company, egrave; stato nominato leader di sostenibilit agrave; del settore delle bevande secondo la valutazione del Dow Jones Sustainability Index, pubblicata oggi.
L'azienda ha raggiunto un punteggio totale di 90, che egrave; di 40 punti superiore alla media del settore e in crescita di 3 punti rispetto allo scorso anno. nbsp;Questo egrave; il nono anno in cui Coca-Cola HBC egrave; inclusa nella valutazione globale, a seguito delle performance di sostenibilit agrave; di rilievo ottenute nel 2015.
Nel corso dell'anno, Coca-Cola HBC ha continuato a ridurre il suo impatto ambientale con una diminuzione a due cifre delle emissioni di CO2.
Allo stesso tempo, ha ridotto ulteriormente la quantit agrave; di acqua utilizzata per produrre un litro di bevanda, cos igrave; come il volume di materiali di imballaggio, nonostante la crescita della produzione e della vendita.
Coca-Cola HBC egrave; stata una delle prime 12 aziende al mondo nel 2015 a stabilire obiettivi di riduzione di CO2 su base scientifica sia per le operazioni dirette sia per quelle indirette, impegnandosi a rendicontare i risultati di sostenibilit agrave; e sostenendo l'azione globale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dalle Nazioni Unite. nbsp;
Coca-Cola HBC egrave; l'imbottigliatore pi ugrave; diversificato nel sistema Coca-Cola, serve circa 600 milioni di consumatori in 28 paesi e in 3 continenti.
La societ agrave; ha investito 8,2 milioni di euro; - 2,3% del suo utile del 2015 al lordo delle imposte - nel miglioramento del benessere delle comunit agrave;, concentrandosi su 3 pilastri: stile di vita attivo, corretta gestione ambientale e idrica e sviluppo dei giovani, in collaborazione con pi ugrave; di 230 organizzazioni non governative. nbsp;

nbsp;Highlights del 2015:
  • 33.311 dipendenti
  • 43.000 fornitori
  • 1,3 miliardi di euro spesi in acquisti diretti
  • 271 milioni di euro di tasse pagate
  • -11,7 % di emissioni di CO2
  • +7,2% di efficienza energetica
  • +19.4% l rsquo;utilizzo di PET riciclato
  • 87% il punteggio di engagement di sostenibilit agrave;
nbsp;

]]>
Comieco: differenziare di più per aiutare i Comuni colpiti dal terremoto http://www.impresagreen.it/news/8001/comieco-differenziare-di-piu-per-aiutare-i-comuni-colpiti-dal-terremoto.html.html Thu, 08 Sep 2016 11:58:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8001/comieco-differenziare-di-piu-per-aiutare-i-comuni-colpiti-dal-terremoto.html  Comieco invita gli italiani a raccogliere di più e meglio carta e cartone: ogni 100 kg raccolti in più nel mese di settembre il Consorzio destinerà 7 euro ai Comuni vittime del sisma.

]]>
Raccogliere pi ugrave; carta e cartone per aiutare i Comuni colpiti dal terremoto nel Centro Italia. Questo l'invito di Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica), in collaborazione con Anci e Conai, rivolto a tutte le famiglie italiane per contribuire alla ricostruzione dei paesi vittime del sisma del 24 agosto scorso. nbsp;
Il gesto che viene chiesto agli italiani egrave; semplice perch eacute; la raccolta differenziata egrave; ormai entrata a far parte delle abitudini quotidiani consolidate: ogni cittadino, nel mese di settembre, dovr agrave; solo aumentare l'impegno nel separare correttamente giornali, scatole, imballaggi di cartone. Seguendo i semplici consigli di Comieco e le regole sulla raccolta differenziata nel proprio Comune, si pu ograve; ottenere 1 kg di carta pronta per il riciclo differenziando, per esempio, due scatole di pasta, un giornale, un portauova, due sacchetti e uno scatolone di cartone. Quello che, da 8 italiani su 10*, egrave; considerato un grande gesto di senso civico, oggi si trasforma in un atto di solidariet agrave;.
"La strada verso la normalit agrave; dei Comuni colpiti dal terremoto egrave; ancora lunga e Comieco vuole sostenere questa parte d' Italia che sta vivendo in situazione di emergenza", ha dichiarato Piero Attoma, Presidente di Comieco. "La carta e il cartone che tutte le famiglie italiane raccoglieranno in pi ugrave; nel mese di settembre, rispetto al settembre 2015, verranno valorizzati economicamente e si trasformeranno in aiuto concreto: circa 7 euro per 100 kg di carta raccolta in pi ugrave; che Comieco verser agrave; ai Comuni coinvolti dal sisma". nbsp;

]]>
Presentato al Ministero dell'Ambiente lo studio sulla sicurezza della gomma da PFU http://www.impresagreen.it/news/8000/presentato-al-ministero-dell-ambiente-lo-studio-sulla-sicurezza-della-gomma-da-pfu.html.html Wed, 07 Sep 2016 09:49:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/8000/presentato-al-ministero-dell-ambiente-lo-studio-sulla-sicurezza-della-gomma-da-pfu.html  Giovanni Corbetta, Direttore Generale Ecopneus: "Siamo molto contenti che non sia emerso nessun possibile sospetto di rischio per la salute legato alla cessione di sostanze dannose da granuli e polverini di PFU in caso di esposizione dermica (contatto con la pelle) o inalatoria (anche solo mediante vicinanza)".

]]>
Si egrave; tenuta al Ministero dell'Ambiente la presentazione dello studio realizzato da Bureau Veritas, CERISIE, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri-IRCCS e Waste and Chemicals, promosso da Ecopneus (societ agrave; consortile per la raccolta, il tracciamento e il recupero dei Pneumatici Fuori Uso) per verificare la non tossicit agrave; dei materiali derivanti dal riciclo dei PFU.
L'incontro egrave; stato aperto dal Sottosegretario all'Ambiente e alla Tutela del Territorio e del Mare Barbara Degani e ha visto la partecipazione dei due Presidenti delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato, On. Ermete Realacci e Sen. Giuseppe Francesco Maria Marinello, oltre che di esperti di diversi Ministeri e Agenzie, di organismi tecnici e di ricerca e di rappresentanti della filiera industriale e di mercato. nbsp;
Lo studio egrave; stato strutturato su diverse fasi, finalizzate ad indagare il contenuto di IPA nei pneumatici giunti a fine vita, identificare eventuali differenze nella composizione chimica di pneumatici prodotti in stabilimenti europei o extra-europei e prima o dopo Gennaio 2010 (data di messa al bando degli olii aromatici usati nella produzione di pneumatici), determinare l'effettiva biodisponibilit agrave; di tali sostanze negli scenari pi ugrave; comuni di impiego della gomma riciclata.
Gli Istituti coinvolti sono stati Bureau Veritas per il campionamento e la classificazione dei PFU, i laboratori CERISIE, BIU-Biochemical Institute for Environmental Carcirogens e Tun Abdul Razak Research Center per la caratterizzazione, l'Istituto Mario Negri-IRCCS per i test di migrazione, Waste and Chemicals per le analisi dell'esposizione di lavoratori e atleti (nel caso, ad esempio, di utilizzo della gomma riciclata per campi di calcio artificiali) e successive analisi dei rischi. nbsp;
"La ricerca egrave; durata due anni ed egrave; stata realizzata secondo le migliori tecniche disponibili. Siamo molto contenti che non sia emerso nessun possibile sospetto di rischio per la salute legato alla cessione di sostanze dannose da granuli e polverini di PFU in caso di esposizione dermica (contatto con la pelle) o inalatoria (anche solo mediante vicinanza). Questo peraltro non fa che confermare scientificamente e organicamente quanto noto dalla letteratura internazionale esistente sull'assenza di rischi tossicologici rilevanti associati all'impiego di gomma riciclata da PFU" afferma Giovanni Corbetta, Direttore Generale Ecopneus. "Qualsiasi, seppur minima, evidenza di rischio potenziale per la salute delle persone ndash; siano essi utilizzatori o lavoratori ndash; avrebbe comportato da parte nostra l'immediata interruzione di tutte le attivit agrave; della filiera del riciclo fisico e ci avrebbe fatto virare immediatamente verso il recupero energetico, per la totalit agrave; dei volumi da noi trattati, pari a circa 250.000 tonnellate ogni anno".
"Gli ultimi anni hanno cambiato la faccia alla filiera del riciclo degli pneumatici" dichiara il Sottosegretario all'Ambiente Barbara Degani. "Oggi ci rendiamo conto che esiste un sistema industriale qualificato, soggetto a varie forme di controllo e certificazione, che, grazie a una migliore gestione dei rifiuti, riesce a conseguire una qualit agrave; intrinseca dei materiali in gomma in termini prestazionali e ambientali.Come Governo abbiamo il dovere di creare le migliori condizioni affinch eacute; possano svilupparsi sempre pi ugrave; imprese innovative "green" capaci di immettere nei mercati prodotti che siano sicuri da un punto di vista sanitario e ambientale e che siano piena espressione di quell'economia circolare verso cui l'Europa e il mondo intero stanno tendendo". nbsp;
Oggi, soltanto con gli addetti delle circa 100 aziende del sistema Ecopneus, la filiera del riciclo di PFU conta oltre 700 unit agrave;. Considerando anche l'indotto derivante da attivit agrave; di produzione e di servizi collegate alla filiera e quello dei settori applicativi della gomma da riciclo, si configura un sistema di una rilevante consistenza, che investe con trend crescente (ca. 15 mil/euro ndash; anno) e che ha buone potenzialit agrave; di sviluppo futuro sia economico che occupazionale.

]]>
Leroy Merlin e Ecolight presentano le nuove Ecoisole a Collegno e Moncalieri (TO) http://www.impresagreen.it/news/7999/leroy-merlin-e-ecolight-presentano-le-nuove-ecoisole-a-collegno-e-moncalieri-to-.html.html Tue, 06 Sep 2016 09:47:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/7999/leroy-merlin-e-ecolight-presentano-le-nuove-ecoisole-a-collegno-e-moncalieri-to-.html  Arrivano anche in Piemonte i cassonetti intelligenti per la raccolta di cellulari, piccoli elettrodomestici e lampadine a risparmio energetico. Per la distribuzione una risposta concreta all'Uno contro Zero.

]]>
L rsquo;ambiente si difende direttamente in negozio. Sono arrivate anche in Piemonte le EcoIsole RAEE del consorzio Ecolight per la raccolta dei piccoli rifiuti elettronici.
I punti vendita Leroy Merlin di Collegno (TO) e Moncalieri (TO) sono stati dotati dei nuovi cassonetti intelligenti dove poter conferire gratuitamente rifiuti come frullatori, smartphone, tablet, rasoi elettrici, telecomandi, chiavette usb, piccoli elettroutensili, lampadine a risparmio energetico e neon non pi ugrave; funzionanti. Tutti cos igrave; possono facilmente contribuire alla raccolta dei RAEE e ad un maggiore rispetto dell rsquo;ambiente. nbsp;
laquo;I rifiuti elettronici rappresentano un rsquo;importante risorsa perch eacute; sono riciclabili per oltre il 90% del loro peso. Se correttamente raccolti e trattati possono fornire significativi volumi di materie prime e seconde come plastica, metalli e vetro raquo;, spiega Giancarlo Dezio, Direttore Generale di Ecolight, consorzio nazionale per la gestione dei RAEE. laquo;Con le EcoIsole abbiamo voluto focalizzare l rsquo;attenzione sui rifiuti di piccole dimensioni che sono quelli pi ugrave; difficili da raccogliere: meno del 15% di questi rifiuti segue un corretto percorso di raccolta, recupero e smaltimento. Le Ecoisole rispondono a due esigenze importanti: essendo localizzate in aree commerciali ad alta frequentazione, agevolano il cittadino-consumatore nel riciclare correttamente il proprio rifiuto. Inoltre, questo sistema d agrave; una risposta concreta agli obblighi previsti dall rsquo;Uno contro Zero raquo;. Prosegue Dezio: laquo;In vista dei nuovi obiettivi indicati dalla normativa RAEE, egrave; importante individuare strumenti innovativi per poter intercettare i rifiuti elettronici e agevolare i cittadini al loro conferimento raquo;. nbsp;
Con queste ultime due, salgono a 46 le EcoIsole posizionate da Ecolight in prossimit agrave; di centri commerciali e grandi punti vendita di Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio. Ben 17 EcoIsole si trovano in prossimit agrave; dei punti vendita Leroy Merlin. nbsp;
L rsquo;EcoIsola RAEE egrave; di dimensioni contenute (1,5x1,2x1,5 metri) e interamente automatizzata. Per conferirvi i rifiuti, al consumatore egrave; richiesto di indicare il tipo di prodotto da smaltire (se un piccolo elettrodomestico o una lampadina) e identificarsi con la carta regionale dei servizi, quindi inserire il rifiuto nello sportello indicato. A conferma dell rsquo;avvenuto conferimento, al termine viene rilasciato uno scontrino. Quando i contenitori interni sono pieni, la macchina avvisa i tecnici per lo svuotamento via sms.
I rifiuti conferiti vengono tracciati dal momento del conferimento fino al trattamento e recupero, nell rsquo;intento di prevenire il traffico illegale dei RAEE. Inoltre, i cittadini avranno sempre la certezza che i materiali conferiti seguiranno la filiera corretta, con grande beneficio per l rsquo;ambiente. nbsp;

]]>
ABB nomina Guido Jouret Chief Digital Officer http://www.impresagreen.it/news/7998/abb-nomina-guido-jouret-chief-digital-officer.html.html Tue, 06 Sep 2016 09:38:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/7998/abb-nomina-guido-jouret-chief-digital-officer.html  Con l’Internet of Things, all’avanguardia per guidare le soluzioni digitali di ABB al livello successivo.

]]>
ABB ha nominato Guido Jouret, un pioniere dell rsquo;Internet of Things, Chief Digital Officer di ABB, nel cui ruolo riferir agrave; direttamente al CEO Ulrich Spiesshofer. La nomina decorre a partire dal 1 ottobre 2016.
Jouret guider agrave; il prossimo livello di sviluppo e diffusione delle soluzioni digitali ABB per i clienti a livello globale e in tutti i business.
Jouret egrave; cittadino statunitense e belga, con una lunga esperienza nella Silicon Valley. Ha lavorato per 20 anni con Cisco dopo aver ottenuto un dottorato in Computer Science. Il suo ultimo incarico in Cisco egrave; stato quello di Direttore Generale della divisione Internet of Things finalizzato a collegare miliardi di dispositivi a internet in una vasta gamma di settori industriali.
Precedentemente ha ricoperto la carica di Chief Technology Officer e Direttore Generale dell rsquo;Emerging Technologies Group di Cisco, unit agrave; responsabile per l'incubazione di nuovi business. Sotto la sua guida, il team ha creato nove nuove start-up, tra le quali quelle destinate a diventare i TelePresence e Internet of Things groups di Cisco. Ha vissuto in 12 paesi tra cui Francia, Singapore e Stati Uniti. Inoltre, ha lavorato per Cisco come Direttore IT per l'Europa, il Medio Oriente e l rsquo;Africa e nell rsquo;Internet Business Solutions Group.
Jouret ha lasciato Cisco nel 2014 per Envision Energy dove ha guidato il business dei prodotti software, compresa una piattaforma per la nascente Internet applicata al comparto dell rsquo;energia.
Jouret egrave; stato anche dall'aprile 2015 Chief Technical Officer di Nokia Technologies e recentemente ha guidato un'importante acquisizione nel settore della sanit agrave; digitale.
"Guido Jouret egrave; un leader indiscusso nella rivoluzione digitale con esperienze consolidate nella creazione e nella crescita di nuove imprese, nonch eacute; nella trasformazione digitale di business maturi. La sua esperienza nel campo della digitalizzazione globale spazia tra aziende del settore dei servizi, dell'industria e dei trasporti e delle infrastrutture ", ha dichiarato il CEO Ulrich Spiesshofer. "Con la focalizzazione sul cliente e sull rsquo;innovazione e la sua vasta esperienza tecnologica in business internazionali, egrave; la persona ideale per promuovere l rsquo;elemento di differenziazione rappresentato dal software della nostra offerta al livello successivo e per cementare la pionieristica leadership tecnologica di ABB, fondata sulla nostra storia di oltre 40 anni di presenza nei sistemi integrati, nel controllo e nelle applicazioni software e sulla nostra posizione di forza nell rsquo;Internet of Things, Services and People."

]]>
Valutazioni EcoVadis: Socomec ottiene "l'oro" http://www.impresagreen.it/news/7997/valutazioni-ecovadis-socomec-ottiene-l-oro-.html.html Fri, 02 Sep 2016 09:43:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/7997/valutazioni-ecovadis-socomec-ottiene-l-oro-.html  EcoVadis ha valutato la RSI di Socomec e le ha conferito la valutazione «Gold», collocando così l’azienda tra il 5% delle imprese con quotazioni più elevate rispetto alle 21.000 prese in analisi annualmente dall’organizzazione.

]]>
EcoVadis egrave; la prima piattaforma collaborativa mondiale, volta alla valutazione delle performance dello sviluppo sostenibile delle aziende, ossia la responsabilit agrave; sociale di impresa (RSI). Ogni anno prende in esame circa 21.000 aziende ed effettua delle valutazioni sulle loro pratiche sociali, societarie, ambientali ed etiche. A seguito delle analisi viene poi fornita una votazione alle aziende e vengono loro assegnati dei riconoscimenti.
Quest rsquo;anno Socomec ha ricevuto il livello pi ugrave; alto: il ldquo;Gold rdquo;.
Analisi di mercato dimostrano come i criteri di RSI vengano sempre pi ugrave; presi in considerazione nelle decisioni di acquisto delle aziende rispetto ai propri fornitori; proprio secondo un recente studio dell rsquo;organizzazione, l rsquo;HEC-Sustainable Procurement Benchmark, il 91% delle aziende tiene conto degli aspetti di responsabilit agrave; sociale nella scelta dei propri collaboratori. Per questo Socomec ha deciso di investire e crescere nell rsquo;ambito della RSI.
Nell rsquo;anno di ingresso nell rsquo;organizzazione EcoVadis, il 2014, valutata su 21 criteri suddivisi in 4 tematiche maggiori (ambiente, pratiche di lavoro, etica e catena logistica), Socomec aveva ottenuto una votazione di 48/100. Nel 2015, lo stesso voto aveva visto un incremento a 54/100. Quest rsquo;anno l rsquo;azienda ha raggiunto i 63/100, che le sono valsi l rsquo; rdquo;oro rdquo; e l rsquo;ingresso di diritto nel 5% delle aziende ldquo;pi ugrave; responsabili rdquo; prese in esame a livello mondiale secondo le valutazioni EcoVadis.

]]>
Air Liquide: al via la prima stazione di servizio multienergy pulita dedicata al trasporto delle merci su strada http://www.impresagreen.it/news/7996/air-liquide-al-via-la-prima-stazione-di-servizio-multienergy-pulita-dedicata-al-trasporto-delle-merci-su-strada.html.html Wed, 31 Aug 2016 11:18:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/7996/air-liquide-al-via-la-prima-stazione-di-servizio-multienergy-pulita-dedicata-al-trasporto-delle-merci-su-strada.html  La nuova stazione di servizi consente il rifornimento dei veicoli con gas naturale compresso (CNG), gas naturale liquefatto (LNG) e azoto liquido (N2) presso un unico sito.

]]>
Air Liquide ha inaugurato la prima stazione di servizio multienergy pulita dedicata al trasporto delle merci su strada in Francia ed Europa a Fl eacute;ville-devant-Nancy.
La nuova stazione di servizi consente il rifornimento dei veicoli con gas naturale compresso (CNG), gas naturale liquefatto (LNG) e azoto liquido (N2) presso un unico sito.
Il CNG e l'LNG alimentano i camion usati per il trasporto delle merci in aree urbane e interurbane. L'azoto alimenta invece gli autocarri dotati di un'unit agrave; di refrigerazione criogenica per il trasporto degli alimenti refrigerati, soprattutto nelle aree urbane. nbsp;
Queste energie offrono tre principali vantaggi: sono energie pulite, soprattutto nel caso di CNG e LNG prodotti da biometano, nbsp;pi ugrave; economiche nbsp;rispetto al diesel nbsp;ed alimentano motori silenziosi.
Air Liquide ha quindi siglato con nbsp;Transalliance, societ agrave; europea di trasporti e logistica, un contratto per la fornitura di energie pulite alla flotta di automezzi della societ agrave;. nbsp;
Air Liquide ha progettato la stazione, gestisce l'infrastruttura e distribuisce i carburanti. Nel tempo, questa stazione di servizio dovrebbe rifornire 80 automezzi.

]]>
Imprese. Coldiretti: l'agricoltura è il settore più gettonato dopo il commercio http://www.impresagreen.it/news/7995/imprese-coldiretti-l-agricoltura-e-il-settore-piu-gettonato-dopo-il-commercio.html.html Tue, 30 Aug 2016 10:51:00 +0000 http://www.impresagreen.it/news/7995/imprese-coldiretti-l-agricoltura-e-il-settore-piu-gettonato-dopo-il-commercio.html  Il 10% delle nuove imprese under 35 sono nate in agricoltura nel II trimestre 2016.

]]>
Quasi il 10% delle nuove imprese condotte da under 35 nate nel secondo trimestre del 2016 opera in agricoltura che si classifica come il settore piu rsquo; gettonato dai giovani dopo il commercio.
E rsquo; quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui dati Unioncamere che evidenzia la rivoluzione in atto nelle scelte giovanili con la nascita nelle campagne italiane di ben 3051 imprese condotte da under 35 nel secondo trimestre del 2016.
Quasi 1 azienda agricola su 3 nate in questo periodo egrave; condotta da giovani che ndash; sottolinea la Coldiretti ndash; rappresentano una nuova generazione di contadini, allevatori, pescatori e pastori che costituiscono uno dei principali vettori di crescita del settore agroalimentare italiano grazie ad una capillare e rapida acquisizione dei processi innovativi.
Tra chi fa dell rsquo;agricoltura una scelta di vita la vera novit agrave; rispetto al passato - sottolinea la Coldiretti - sono le new entry da altri settori o da diversi vissuti familiari che hanno deciso di scommettere sulla campagna con estro, passione, innovazione e professionalit agrave;, i cosiddetti agricoltori di prima generazione.
Secondo una analisi della Coldiretti/Ixe rsquo;, tra le new entry giovanili nelle campagne, ben la met agrave; egrave; laureata, il 57 per cento ha fatto innovazione, ma soprattutto il 74 per cento egrave; orgoglioso del lavoro fatto e il 78 per cento egrave; piu rsquo; contento di prima. La scelta di diventare imprenditore agricolo egrave; peraltro apprezzata per il 57 per cento anche dalle persone vicine, genitori, parenti, compagni o amici.
A caratterizzare le imprese giovanili del settore egrave; anche il fatto che a 15 anni dall rsquo;approvazione delle legge di orientamento per l rsquo;agricoltura (la legge 228/2001), fortemente sostenuta da Coldiretti che ha rivoluzionato le campagne, i giovani hanno interpretato in chiave innovativa le opportunit agrave; offerte dal mondo rurale e oggi il 70 per cento delle imprese under 35 opera in attivit agrave; che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attivit agrave; ricreative come la cura dell rsquo;orto e i corsi di cucina in campagna, l rsquo;agricoltura sociale per l rsquo;inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l rsquo;agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili.
Il risultato egrave; che, secondo una indagine della Coldiretti, le aziende agricole dei giovani possiedono, una superficie superiore di oltre il 54 per cento alla media, un fatturato pi ugrave; elevato del 75 per cento della media e il 50 per cento di occupati per azienda in pi ugrave;.
ldquo;C rsquo; egrave; un intero esercito di giovani che hanno preso in mano un settore considerato vecchio, saturo e inappropriato per immaginare prospettive future e ne hanno fatto un mondo di pionieri, rivoluzionari, innovatori e attivisti impegnati nel costruire un mondo migliore per se stessi e per gli altri rdquo;, ha affermato Maria Letizia Gardoni delegata dei giovani della Coldiretti nel sottolineare che ldquo;dai campi non viene solo una risposta alla disoccupazione e alla decrescita infelice del Paese, ma anche una speranza alla sconfitta dei troppi nostri coetanei che sono costretti ad espatriare rdquo;.

]]>