▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...
Logo ImpresaGreen.it

Il Regno conclude la sua partecipazione al meeting del 2024 del WEF annunciando che ospiterà un incontro speciale dell'organizzazione a Riad

Una delegazione di alto livello del Regno dell'Arabia Saudita ha concluso la sua partecipazione al meeting del 2024 del Forum economico mondiale (World Economic Forum, WEF), culminata con l'annuncio c...

Business Wire

DAVOS, Svizzera: Una delegazione di alto livello del Regno dell'Arabia Saudita ha concluso la sua partecipazione al meeting del 2024 del Forum economico mondiale (World Economic Forum, WEF), culminata con l'annuncio che Riad ospiterà un incontro speciale del WEF sulla cooperazione globale, la crescita e l'energia il 28 e il 29 aprile 2024.

Dal 15 al 19 gennaio, la delegazione saudita, presieduta da Sua Altezza il Principe Faisal bin Farhan bin Abdullah, Ministro degli Affari Esteri, ha partecipato a dialoghi e a incontri bilaterali e multilaterali di importanza critica per plasmare soluzioni alle sfide globali e gettare le basi per un futuro più coeso, resiliente e prospero.

La delegazione comprendeva Sua Altezza Reale la Principessa Reema bint Bandar AlSaud, Ambasciatrice del Custode delle Due Sacre Moschee negli Stati Uniti d'America; S.E. il Dott. Majid Alkassabi, Ministro del Commercio; S.E. Adel Aljubeir, Ministro di Stato per gli Affari Esteri, Membro del Consiglio dei Ministri e Inviato per il Clima; S.E. Khalid Al Falih, Ministro degli Investimenti; S.E. Mohammed Aljadaan, Ministro delle Finanze; S.E. Abdullah Alswaha, Ministro delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell'Informazione; S.E. Bandar Alkhorayef, Ministro dell'Industria e delle Risorse Minerarie, e S.E. Faisal Alibrahim, Ministro dell'Economia e della Pianificazione.

I delegati hanno preso parte ad alcune sessioni particolarmente interessanti: "Securing an Insecure World" (rendere sicuro un modo pericoloso); "Frictionless Services" (servizi senza soluzione di continuità); "Gulf Economies: All In" (economie del Golfo: scommettiamo tutto); "Regulating Non-Banks" (regolamentare le società non bancarie); "Bold Steps for a Sustainable MENA" (passi coraggiosi per un'area MENA sostenibile); "Resilience: What It Means and What to Do About It" (resilienza: cosa significa e cosa farci); "Supply Chains of the Future" (le filiere del futuro); "Investors of First Resort: Government Inc." (i primi investitori: i governi-azienda); "The Future of Banking and Technology in Saudi Arabia: What it Means for Investors" (il futuro del settore bancario e della tecnologia in Arabia Saudita: cosa implica per gli investitori); "MENA's Economic Dilemma: Reforms Amid Uncertainty" (il dilemma economico dell'area MENA: riforme in una situazione d'incertezza); e una sessione speciale del panel del WEF, "Saudi Arabia: The Course Ahead" (Arabia Saudita: il cammino che ci aspetta), dedicato al ruolo centrale del Regno nel promuovere pace, sicurezza e prosperità nel Medio Oriente.

La delegazione del Regno ha anche presentato "Saudi House: Bold Visions Series", una serie di eventi che ha visto responsabili del cambiamento e delle politiche insieme a innovatori impegnarsi in dialoghi audaci incentrati sulle soluzioni necessarie in tutte le aree chiave dello sviluppo economico, tra cui economia blu, turismo e investimenti tecnologici.

L'incontro speciale del WEF a Riad fa parte di un accordo storico tra l'Arabia Saudita e il Forum, che riunirà oltre 700 leader globali del pubblico e del privato, organizzazioni internazionali, ONG e figure accademiche e della società civile per promuovere il dialogo tra i paesi verso il rilancio della cooperazione internazionale.

Giovedì 18 gennaio il Regno ha firmato due accordi con la piattaforma di innovazione del WEF, UpLink, per catalizzare soluzioni globali innovative alle sfide ambientali e di sostenibilità più urgenti di oggi. I due accordi mirano a promuovere ecosistemi di innovazione attorno agli imprenditori determinanti nelle fasi iniziali delle attività per stimolare gli investimenti e il sostegno a soluzioni inedite che affrontino le sfide critiche dello sviluppo sostenibile, tra cui il degrado degli oceani, la scomparsa della biodiversità e l'economia circolare del carbonio.

Un altro memorandum d'intesa (Memorandum of Understanding, MOU) è stato firmato per rafforzare la cooperazione tra il Regno dell'Arabia Saudita e l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE). L'accordo tratta una vasta gamma di iniziative di politica pubblica in settori quali l'economia, il governo societario e la sostenibilità.

* Fonte: AETOSWire

Fonte: Business Wire



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 23/01/2024

Tag: