Logo ImpresaGreen.it

Costa Toscana: una Smart City galleggiante alimentata a GNL

La nuova nave, che omaggia le eccellenze della Toscana, è la terza del Gruppo Costa alimentata a gas naturale liquefatto, la tecnologia di alimentazione più avanzata nel settore marittimo per abbattere in maniera significativa le emissioni. Costruita nei cantieri Meyer di Turku, Costa Toscana entrerà in servizio a dicembre 2021 in Brasile.

Redazione ImpresaGreen

Costa Crociere ha celebrato il varo tecnico della nuova ammiraglia Costa Toscana presso i cantieri Meyer di Turku (Finlandia). Costa Toscana, come la sua gemella Costa Smeralda, è alimentata a gas naturale liquefatto (LNG), la tecnologia di alimentazione attualmente più avanzata nel settore marittimo per abbattere le emissioni, sia in mare sia durante le soste in porto.
Il Gruppo Costa – che comprende Costa Crociere, AIDA Cruises e Costa Asia - è stato il primo al mondo nel settore delle crociere a credere in questa tecnologia, ordinando un totale di 5 nuove navi alimentate a LNG, di cui due, Costa Smeralda e AIDAnova, sono già entrate in servizio. Fanno parte di un piano di espansione che comprende un totale di sette nuove navi in consegna per il Gruppo entro il 2023, per un investimento complessivo di oltre sei miliardi di euro. 
Durante la cerimonia del varo tecnico, Costa Toscana ha ufficialmente toccato il mare per la prima volta, con l'allagamento del bacino dove ha preso forma negli ultimi mesi. Entrerà in servizio a dicembre 2021, una volta completato l'allestimento degli interni.
Costa Toscana è stata progettata per essere una vera e propria "smart city" itinerante, dove si applicano soluzioni sostenibili e concetti di economia circolare per ridurre l'impatto ambientale. Grazie all'utilizzo dell'LNG sarà possibile eliminare quasi totalmente l'immissione in atmosfera di ossidi di zolfo (zero emissioni) e particolato (riduzione del 95-100%), abbassando significativamente anche le emissioni di ossido di azoto (riduzione diretta dell'85%) e di CO2 (sino al 20%). L'intero fabbisogno giornaliero di acqua della nave sarà soddisfatto trasformando quella del mare tramite l'utilizzo di dissalatori. Il consumo energetico sarà ridotto al minimo grazie a un sistema di efficientamento energetico intelligente. Inoltre, a bordo verrà effettuato il 100% di raccolta differenziata e il riciclo di materiali quali plastica, carta, vetro e alluminio, che saranno parte di un approccio integrato, finalizzato alla concretizzazione diprogetti di economia circolare


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 18/01/2021

Tag: