Logo ImpresaGreen.it

Yingli Green Energy: i dazi sui prodotti cinesi causeranno una stagnazione del fotovoltaico in Europa

Yingli Green Energy ha commentato la decisione della Commissione Europea di imporre dazi anti-dumping preliminari sia sui prodotti fotovoltaici realizzati in Cina, che su quelli spediti dalla Cina.

Redazione ImpresaGreen

Dal 6 giugno al 5 agosto, quindi, i prodotti Yingli Green Energy saranno soggetti ad un dazio provvisorio dell’11,8%. Dal 6 agosto, e fino alla decisione finale che verrà presa a dicembre, qualora Cina e Commissione Europea non trovassero un accordo, i dazi imposti all’azienda arriverebbero fino al 37,3%.
Allo stato attuale, secondo la Commissione Europea, i dazi dovrebbero essere imposti non solo sui prodotti realizzati in Cina, ma anche su quelli realizzati in altri paesi ma spediti dalla Cina. All’inizio dell’indagine anti-dumping in questione, era stato deciso di tassare solo i prodotti realizzati all’interno del Paese, senza menzione alle spedizioni.
“Ci dispiace che la Commissione Europea insista sull’imposizione di dazi anti-dumping sui prodotti solari cinesi nonostante la forte opposizione da parte degli stati membri dell’Unione Europea” ha dichiarato  Mr. Liansheng Miao, Chairman e Chief Executive Officer di Yingli Green Energy.
“L’applicazione di tariffe punitive, a qualsiasi livello, porteranno inevitabilmente ad un aumento dei prezzi dei prodotti, causando una stagnazione dell’industria fotovoltaica in Europa. Ci auguriamo quindi una rapida ripresa del dialogo tra la Cina e la Commissione Europea”.
“Yingli Green Energy è a favore di una negoziazione su basi commerciali come soluzione a questa disputa, come proposto anche da diversi leader europei. Una negoziazione di questo tipo aiuterà a diminuire l’attuale incertezza di mercato garantendo ai consumatori europei la possibilità di usufruire di energia verde accessibile a tutti e salvaguardando allo stesso tempo i posti di lavoro a rischio” ha aggiunto Darren Thompson, Managing Director, Yingli Green Energy International.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 06/06/2013

Tag: