Logo ImpresaGreen.it

SC Johnson raggiunge quota 8 impianti a Zero Discarica

SC Johnson aspira ad eliminare i rifiuti nei suoi impianti di produzione in tutto il mondo. La società fa continui progressi verso il raggiungimento di questo obiettivo e si propone di ridurre la quantità di rifiuti che viene inviato in discarica.

Redazione ImpresaGreen

SC Johnson ha recentemente annunciato di aver raggiunto l’obiettivo Zero Discarica  nel suo ottavo impianto di produzione globale, dimostrando il continuo impegno dell'azienda per diminuire l’impatto ambientale e raggiungere l’ambizioso obiettivo di ridurre la propria produzione mondiale di rifiuti del 70% entro il 2016.  Tra il 2000 e il 2012, la società già ha ridotto i rifiuti del 62% in rapporto alla produzione globale.  
Il sito di Manaus in Brasile è l’ottavo a Zero Discarica dell’azienda e nel corso degli ultimi anni ha attuato una serie di iniziative che hanno portato all’aumento dei tassi di riciclo, alla riduzione dell'imballaggio e a una maggiore educazione ambientale. Altri impianti produttivi Zero Discarica sono situati in Cina (due), in Pakistan, nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti, in Polonia e in Canada. Nel 2012 ben 10 impianti di produzione di SC Johnson hanno raggiunto tassi di differenziazione dei rifiuti di almeno il 90%.  
“Ognuno di noi cerca di ridurre la quantità di rifiuti che generiamo e aumentare i tassi di riciclo sia a casa propria che all'interno della comunità; per questo SC Johnson è impegnata a individuare soluzioni innovative e modulabili per ridurre al minimo la nostra impronta ecologica della nostra produzione globale" ha dichiarato Kelly M. Semrau, Chief Sustainability Officer in SC Johnson. "La riduzione dei rifiuti - e il raggiungimento dell’obiettivo Zero Discarica - gioca un ruolo chiave nella nostra strategia di business per innovare continuamente, rendendo i prodotti ancora migliori nel modo più sostenibile possibile.”

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 02/04/2014

Tag: