Canon celebra il 25° anniversario del programma di riciclo delle cartucce toner

A fine dicembre 2014, grazie al programma Canon sono state recuperate circa 344.000 tonnellate di cartucce esauste, il che ha permesso di ottenere una riduzione nell'uso di nuove materie prime pari a 232.000 tonnellate ed un decremento nelle emissioni di CO2 di ben 502.000 tonnellate.

Pubblicata il: 27/03/2015 10:10

Redazione ImpresaGreen

Canon celebra i 25 anni del programma di riciclo delle cartucce toner originali per stampanti laser, grazie al quale nessun rifiuto proveniente dalle cartucce toner Canon, viene inviato alla discarica grazie ad una combinazione di parti riutilizzabili, materiali riciclabili e recupero energetico.
Le cartucce Canon nascono con il concetto di riciclo: la componente in plastica HIPS (High Impact Polystyrene) può essere riciclata varie volte mantenendo inalterato il livello qualitativo originale.
Le cartucce dei clienti in Europa vengono inviate in Francia - presso Canon Bretagne SAS – e qui sottoposte a un rigoroso processo finalizzato al riciclo dei materiali e al riutilizzo delle parti in nuove cartucce.
Canon in Italia, in piena conformità con la legislazione vigente, propone il programma I.P.E.R., dedicato alla raccolta e al corretto smaltimento dei toner esausti prodotti da attività di ufficio.
Il programma -  riservato a utenti finali, dealer, centri di assistenza o istituzioni pubbliche e private – è attivo su tutto il territorio nazionale e prevede la fornitura di appositi contenitori – ecobox - che consentono al cliente di stimare anticipatamente i costi del servizio stesso.
Una volta identificato il tipo di programma adeguato alle proprie necessità, il cliente riceverà il numero di ecobox necessari e le relative istruzioni. Quando avrà riempito gli ecobox previsti dal servizio selezionato, potrà contattare Canon per il ritiro degli stessi. I materiali di scarto raccolti vengono poi concentrati in appositi stock point dove sono sottoposti a cernita. Cartucce, parti in metallo e in plastica sono classificate e avviate ad alimentare cicli di riutilizzo delle materie prime. 

Cosa ne pensi di questa notizia?