Ecodom: oltre 76.000 tonnellate di elettrodomestici recuperate nel 2014

Oltre 880.000 tonnellate di CO2 evitate in un anno, grazie alla corretta gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici.

Pubblicata il: 27/05/2015 11:25

Redazione ImpresaGreen

Sono state 75.985 le tonnellate di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, come frigoriferi, climatizzatori, lavatrici, forni, cappe e scalda-acqua) trattate nel 2014 da Ecodom, il principale Consorzio Italiano per il Recupero e il Riciclaggio degli Elettrodomestici.
Questa attività ha consentito il riciclo di 66.857 tonnellate di materie prime seconde; in particolare: 45.624 tonnellate di ferro (quanto necessario per costruire 6 Tours Eiffel), 1.670 tonnellate di alluminio (sufficienti per produrre 104 milioni di lattine), 1.544 tonnellate di rame (equivalenti a quelle necessarie per rivestire 17 Statue della Libertà) e 7.788 tonnellate di plastica (che consentirebbero di produrre 3,1 milioni di sedie da giardino).  
Si è inoltre evitata l’immissione in atmosfera di 882.850 tonnellate di CO2 (pari alla quantità di anidride carbonica generata dal traffico automobilistico dell’intera provincia di Milano per più di 30 giorni) e determinato un risparmio energetico di oltre 87,8 milioni di kWh di corrente elettrica, capaci di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di una città con oltre 75mila abitanti, come Varese.  
È quanto emerge dal “Rapporto di Sostenibilità 2014”, presentato a Roma da Ecodom, alla presenza di prestigiosi esponenti del mondo della scienza, della politica e dell’industria, che si sono confrontati in una tavola rotonda sul tema: “L’industria e la politica di fronte ai cambiamenti climatici”.
L’incontro, moderato dal giornalista Alessandro Cecchi Paone, è introdotto dalle riflessioni del dott. Antonio Navarra, Presidente del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, e dalle provocazioni del comico Giobbe Covatta, che, con un divertente monologo, spiega cosa succederà se la temperatura della Terra continuerà ad aumentare. Il quadro è davvero allarmante: se non cercheremo di mitigare, sin da oggi, i cambiamenti climatici, le future generazioni avranno seri problemi a (soprav)vivere in un pianeta che diverrà assai meno ospitale…  
Della stessa opinione è Ecodom, la cui priorità è da sempre la tutela dell’ambiente. “In 7 anni di operatività - spiega Mauro Cola, Presidente di Ecodom - il Consorzio ha raccolto e trattato 500.000 tonnellate di Rifiuti Elettrici ed Elettronici, consentendo un risparmio energetico di oltre 500 milioni di kWh ed evitando l’immissione in atmosfera di oltre 6 milioni di tonnellate di CO2, pari all’assorbimento annuo di un bosco esteso per più di 6.000 kmq, come l’intera Liguria. Abbiamo cercato di operare bene e vogliamo continuare a farlo. Ma è necessario che il quadro normativo venga completato al più presto, rendendo obbligatoria l’adozione di standard di qualità elevati per tutti i soggetti che si occupano di RAEE, in linea con quanto già accade in alcuni Paesi europei”.

Cosa ne pensi di questa notizia?