Huawei rende la sua catena di distribuzione sempre più sostenibile

"Huawei ha integrato requisiti di sostenibilità all'interno dei processi di certificazione e audit dei propri fornitori", ha commentato Alex Deng, Chairman del Huawei Corporate Sustainable Development (CSD) Committee.

Pubblicata il: 10/06/2015 11:56

Redazione ImpresaGreen

Secondo il Sustainability Report 2014, Huawei ha ridotto le sue emissioni globali di carbonio nel 2014 dopo aver promosso lo scorso anno un programma di sostenibilità che includeva anche i suoi fornitori.  
Presentato in occasione della conferenza sul futuro delle catene di distribuzione sostenibili, il report espone la filosofia e i risultati di Huawei nel colmare il digital divide, supportare operazioni di rete stabili e sicure, promuovere la protezione ambientale e puntare a uno sviluppo sostenibile che porti benefici a tutti i livelli.   “Nel 2014 Huawei ha registrato considerevoli progressi nell’ambito della propria strategia a favore della sostenibilità”, ha commentato Alex Deng, Chairman del Huawei Corporate Sustainable Development (CSD) Committee, in occasione dell’evento che ha riunito 150 rappresentanti di istituzioni e industrie europee. “Abbiamo presentato il Global Connectivity Index, la prima indagine completa e quantitativa del livello di interconnessione di Paesi e industrie. Ci siamo inoltre impegnati a ridurre non solo le nostre emissioni, ma anche quelle dei nostri fornitori”.  
Venti fornitori hanno partecipato lo scorso anno al programma Huawei di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni, rispetto ai quattro del 2013, contribuendo a una diminuzione di emissioni di diossido di carbonio pari a 53.652 tonnellate, più del doppio rispetto alle 23.839 del 2013. Huawei ha inoltre riutilizzato e riciclato più del 97% dei propri rifiuti prodotti nel 2014.  
Oltre a rendere sostenibile la propria catena di distribuzione, Huawei è impegnata a migliorare la sostenibilità in vari aspetti del proprio business. Come parte di una iniziativa volta a promuovere un’economia circolare nel settore dei dispositivi tecnologici, l’azienda ha lanciato il programma Green Recycling per telefoni cellulari usati.
Inoltre Huawei Honor 6 Plus è stato il primo smartphone al mondo ad essere commercializzato con un Product Water Footprint Verification Statement, rilasciato da TUV SUD, società di collaudo e certificazione basata in Europa, a testimonianza della leadership di Huawei nel campo dell’eco-design.  
Il Sustainability Report 2014 è disponibile al seguente link: http://www1.huawei.com/en/sustainability/sustainability-report.

Cosa ne pensi di questa notizia?