Nissan: stabilimenti di Japan Benex e Sumitomo alimentati da batterie elettriche

Le batterie dei veicoli elettrici Nissan alimentano lo stabilimento di Japan Benex e Sumitomo in Giappone. Il progetto “Future Plant” promuove l’uso efficiente dell’energia e la sostenibilità ambientale.

Pubblicata il: 19/04/2018 16:26

Redazione ImpresaGreen.it

Japan Benex e Sumitomo hanno lanciato il progetto “Future Plant”, utilizzando un tetto fotovoltaico, i veicoli elettrici Nissan e le batterie dei veicoli elettrici per alimentare lo stabilimento principale di Japan Benex a Isahaya, in Giappone.
Il sistema di stoccaggio dell’energia di nuova progettazione unisce energia rinnovabile, batterie riciclate e veicoli elettrici per promuovere l’uso efficiente dell’energia e la sostenibilità ambientale.
Nissan sostiene il progetto fornendo 10 veicoli commerciali 100% elettrici Nissan e-NV200.
I veicoli e le batterie contribuiscono alla stabilizzazione dell’energia erogata dall’impianto fotovoltaico e a ridurre i costi sostenuti dallo stabilimento per l’elettricità, utilizzando l’energia immagazzinata durante i picchi di domanda.
I veicoli 100% elettrici Nissan e-NV200 saranno utilizzati dai dipendenti per gli spostamenti di lavoro e le batterie saranno riciclate e rifabbricate come componenti del sistema di stoccaggio dell’energia.
Japan Benex e Sumitomo hanno sviluppato insieme il sistema destinato ai Virtual Power Plant (VPP), il cui avviamento in Giappone è previsto entro il 2020. Queste centrali di energia virtuali ottimizzeranno i tempi di carica e scarica dell’energia, per regolare la fornitura e la domanda di elettricità in un’intera regione.
Japan Benex e Sumitomo hanno avviato i test sul campo dei sistemi di stoccaggio dell’energia e dei veicoli elettrici nel quadro della partecipazione al progetto Kansai VPP. Il progetto Future Plant aiuterà a diffondere l’uso dell’energia rinnovabile e a creare un sistema che promuova il riutilizzo delle batterie dei veicoli elettrici, ottimizzando la fornitura e la domanda di energia per realizzare una società a basse emissioni.

Cosa ne pensi di questa notizia?