Aruba: nuovo Data Center Campus a Roma in chiave "green"

Il 4° data center italiano dell’azienda completerà il progetto di realizzazione del più moderno ed ecologico network di data center d’Italia.

Pubblicata il: 05/06/2018 15:26

Redazione ImpresaGreen.it

Aruba ha annunciato la costruzione del suo nuovo Hyper Cloud Data Center a Roma.
Il terreno acquistato da Aruba, sul quale sarà edificato il nuovo data center campus, si trova all’interno dell’area del Tecnopolo Tiburtino (Roma est). Il polo nato per volontà della Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con la Regione Lazio e il Comune di Roma, per ospitare realtà imprenditoriali tecnologicamente innovative e che, ad oggi, sono più di 130.
Il data center, già in fase di progettazione, sarà completato entro la primavera del 2020. Si prevede un investimento di circa 300 milioni di Euro in cinque anni.
Si tratta del quarto data center italiano di Aruba, che va ad aggiungersi ai due di Arezzo e a Global Cloud Data Center di Ponte San Pietro (BG), inaugurato solo pochi mesi fa e che sta riscuotendo un enorme successo grazie alla grande richiesta di spazi sia da parte di aziende italiane che di corporation internazionali che hanno scelto l’Italia proprio per la disponibilità di questa grande e moderna infrastruttura.
I 4 data center nazionali sono parte di un più ampio network europeo che include oltre all’Italia, Germania, Francia, Inghilterra, Repubblica Ceca e Polonia.
Vediamo nel dettaglio le principali caratteristiche del progetto:
  • area di 74.000 m² interamente proprietaria, con 52.000 m² di superficie destinata a data center, di cui oltre 30.000 m² alle sale dati;
  • fino a 66 MW di potenza raggiungibile, prodotta al 100% da fonti rinnovabili;
  • completamente ecologico grazie all’uso di energia rinnovabile certificata a livello europeo tramite Garanzia di Origine (Certificazione GO), alla quale si aggiunge l’autoproduzione di energia fotovoltaica e l’uso di sistemi di raffreddamento ad efficienza ottimizzata (free-cooling);
  • collegamenti backbone con i data center IT3 di Ponte San Pietro (BG) e IT1 e IT2 di Arezzo, ed esterni verso internet sia da nord che da sud;
  • massimi livelli di sicurezza logica e fisica con controllo degli accessi e perimetri di controllo multipli;
  • progettato e gestito per rispondere ai requisiti delle certificazioni: Rating 4 ANSI/TIA 942-A, ISO 9001, 27001, 14001 e 50001;
  • data center carrier neutral con servizi di connettività gestita, collegamenti ridondati in fibra e trasporti dedicati;
  • previste circa 200 assunzioni;
  • aree uffici e magazzini a disposizione dei clienti;
  • location facilmente raggiungibile dagli aeroporti internazionali di Fiumicino e Ciampino e dalle stazioni di Roma Termini e Roma Tiburtina.

Cosa ne pensi di questa notizia?