Logo ImpresaGreen.it

JCB lancia il primo Teletruk ad alimentazione elettrica

Grazie alla sua alimentazione a batteria, il JCB 30-19E è estremamente silenzioso e produce emissioni zero, il che lo rende adatto alle attività all'interno di un edificio.

Redazione ImpresaGreen

Lanciato nell'ottobre 1997, il JCB Teletruk rimane l'unico carrello elevatore telescopico al mondo e, grazie al braccio estensibile, offre agli utenti il vantaggio dello sbraccio anteriore.
Oggi JCB svela il nuovo JCB 30-19E, il primo modello elettrico della sua gamma, aprendo nuove opportunità per una macchina che ha rivoluzionato l'attività dei costruttori, dei commercianti, dei porti, dei centri di riciclaggio e degli impianti industriali di tutto il mondo. Finora i Teletruk di JCB sono stati alimentati a diesel e GPL e utilizzati prevalentemente in applicazioni esterne.
Con il lancio del nuovo modello elettrico, il Teletruk si adatta ora a una vasta gamma di applicazioni sia all'interno degli edifici che all'esterno, offrendo a una nuova generazione di clienti i vantaggi in termini di costi e risparmio di spazio di cui hanno beneficiato gli utenti negli ultimi due decenni. 
Grazie alla sua alimentazione a batteria, il JCB 30-19E è estremamente silenzioso e produce emissioni zero, il che lo rende adatto alle attività all'interno di un edificio, mentre la sua struttura completamente sigillato e resistente alle intemperie protegge la trasmissione della macchina e altri componenti chiave dalle intemperie quando il Teletruk deve lavorare in cantiere. 
L'alimentazione è fornita da una batteria al piombo-acido da 80 Volt che può funzionare per un turno di otto ore con una sola carica. Il vano batterie è posizionato sul retro ed è stato progettato per consentire una sostituzione rapida e semplice della batteria. Utilizzando un sollevatore a singolo punto o un altro carrello elevatore, la batteria può essere sostituita in circa 2 minuti, assicurando la massima operatività. Grazie alla sua trasmissione elettrica, il nuovo JCB Teletruk può superare con facilità una pendenza del 21% o una rampa e la produttività è ulteriormente migliorata con un'alzata libera di 1.575 mm di serie.
Come tutti i modelli Teletruk, il JCB 30-19E è dotato di un braccio laterale e, grazie all'esclusivo sbraccio telescopico in avanti, ha una capacità di sollevamento di 1.900 kg a 2 metri, il che significa che i carichi pallettizzati possono essere caricati fino all'estremità opposta di un pianale di rimorchio.                   
Inoltre, la funzione di sbraccio in avanti elimina il rischio di danni a materiali e veicoli - nonché il rischio di lesioni al personale - durante il carico o lo scarico di pallet da e verso veicoli commerciali leggeri, in particolare furgoni. Il Teletruk può posizionare un carico di 1.600 kg alla distanza di 3 metri in un furgone, consentendo il pieno utilizzo di veicoli a passo esteso. Per la massima efficienza, il Teletruk può caricare tre Europallet in un furgone in modo semplice e sicuro in soli due minuti. 
Anche la sicurezza è di serie, poiché tutte le macchine sono dotate di sistema di controllo spostamento carico. Questa innovazione brevettata da JCB avvisa l'operatore quando raggiunge la piena capacità di sollevamento o di sbraccio con un semplice sistema di luci verdi, ambra e rosse e non consente di utilizzare un carico al di fuori delle capacità di carico della macchina, prevenendo il ribaltamento in avanti.  
Il JCB Teletruk 30-19E è dotato della cabina "Command Plus" JCB, progettata per garantire che l'operatore rimanga comodo e quindi produttivo per tutta la giornata lavorativa. Il Teletruk JCB 30-19E è dotato di serie del sistema telematico JCB LiveLink che consente di misurare in tempo reale il consumo energetico e di analizzare in dettaglio l'utilizzo della macchina. 
Inoltre, il JCB Teletruk garantisce un campo visivo a 360˚ intorno alla macchina e all'accessorio, oltre ad una rotazione unica di 111 gradi del carrello, rendendo la movimentazione delle merci più facile e sicura. L'ingombro ridotto della macchina consente di ruotare all'interno del proprio asse per una versatilità ancora maggiore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 05/04/2019

Tag: