Logo ImpresaGreen.it

easyJet introduce il “CO2 Report” per misurare la compensazione delle emissioni di CO2 dei viaggi d’affari

easyJet mette a disposizione dei propri clienti business i primi CO2 Report del settore. Obiettivo: permettere alle aziende che scelgono di volare con la compagnia di misurare la compensazione di CO2 e i risparmi sui costi dei viaggi d’affari.

Redazione ImpresaGreen

easyJet ha reso disponibile per i suoi clienti business il “CO2 Report”, uno strumento per aiutarli a misurare l'impatto della compensazione delle emissioni di CO2 quando volano con easyJet e il conseguente risparmio sui costi dei loro viaggi d’affari. Nelle scorse settimane la compagnia aerea ha rilasciato i primi report ai suoi maggiori clienti business in tutta Europa, così come in Italia. I report - una novità assoluta per il settore - forniscono informazioni basate su dati di volo reali per consentire alle aziende di misurare le emissioni di CO2 compensate quando volano con easyJet e aiutarle a fissare obiettivi per i viaggi futuri.
I report, inoltre, forniscono alle aziende un quadro chiaro del risparmio sui costi, considerato che easyJet compensa le emissioni di CO2 derivanti dal carburante usato per tutti i suoi voli, senza costi aggiuntivi per i suoi clienti. 
easyJet è l'unica grande compagnia aerea europea a compensare le emissioni di CO2 che derivano dal carburante utilizzato per tutti i suoi voli senza costi aggiuntivi per i suoi clienti e a sostenere solo progetti certificati da Gold Standard o Verified Carbon Standard: schemi di certificazione riconosciuti a livello internazionale.  I report includono, inoltre, informazioni sui progetti supportati dalla compagnia attraverso il programma di compensazione, così come una panoramica sul suo impegno per la sostenibilità ambientale.
La compagnia sta già lavorando con diversi partner di spicco del settore, tra cui Airbus, Rolls-Royce, Cranfield Aerospace Solutions e Wright Electric, per accelerare lo sviluppo della tecnologia degli aerei a zero emissioni e delle infrastrutture di supporto per i voli del futuro. La compagnia aerea è ottimista sul fatto che potrebbe iniziare a far volare i clienti su aerei alimentati a idrogeno, elettrici o ibridi tra la metà e la fine degli anni 2030.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 28/02/2022

Tag: