Logo ImpresaGreen.it

Clini: inaccettabili i rinvii sul risanamento dell'Ilva

Clini: "Le richieste di questi ultimi giorni per un rinvio, che puntano ad aprire una trattativa sui contenuti del provvedimento, non sono giustificabili né accettabili".

Redazione GreenCity

In base alla legge (art. 29-quater della legge 152/ 2006), la procedura per il riesame dell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia) dello stabilimento Ilva di Taranto - avviata il 15 marzo - avrebbe dovuto concludersi entro il 21 settembre.
Il ministro dell'Ambiente Clini, sia per consentire un confronto approfondito con la Regione, gli enti locali e le associazioni ambientaliste, alla luce delle considerazioni del Gip e del Tribunale del Riesame nonché le indicazioni del Tar Puglia, ha prorogato al 30 settembre il termine per concludere la preparazione della documentazione necessaria alla approvazione dell'Aia. La conclusione della procedura è fissata per il 17 ottobre.
La documentazione è stata predisposta da un gruppo di lavoro composto dagli esperti del ministero dell'Ambiente, del ministero dello Sviluppo economico, dell'Istituto superiore di sanità, dell'Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale (Ispra), della Regione Puglia, dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Puglia (Arpa), della Provincia di Taranto, dei Comuni di Taranto e Statte.
"Le richieste di questi ultimi giorni per un rinvio, che puntano ad aprire una trattativa sui contenuti del provvedimento, non sono giustificabili né accettabili", spiega il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, il quale non è disponibile "a ripetere l'esperienza dell'Aia approvata nell'agosto 2011 dall'allora ministro Prestigiacomo e dal presidente Vendola: una procedura durata circa 4 anni e conclusa con un provvedimento che conteneva 462 prescrizioni, tra loro contraddittorie, rappresentative della esigenza di "dare ragione a tutti", azienda, Regione, enti locali, associazioni ambientaliste, senza affrontare e risolvere in modo chiaro ed efficace i nodi della ambientalizzazione dello stabilimento di Taranto: non a caso abbiamo dovuto riaprire la procedura di Aia".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 02/10/2012

Tag: