Logo ImpresaGreen.it

Birra Peroni presenta il Rapporto di Sostenibilità 2011-2012

Peroni lancia un messaggio forte nel suo Rapporto di Sostenibilità: Credere nell'Italia, a prescindere dalla crisi e dalla congiuntura economica negativa.

Redazione ImpresaGreen

Produrre in Italia conviene, parola di Birra Peroni. Lo storico produttore italiano, nato a Vigevano nel 1846, dal 2003 controllato dalla multinazionale SabMiller, ha presentato Per noi che crediamo nell'Italia, il secondo Rapporto di sostenibilità.
Nonostante si parli spesso di fuga dei grandi gruppi dall'Italia, ci sono ancora multinazionali pronte a scommettere sulla qualità dei prodotti italiani. Come SabMiller (secondo produttore di birra al mondo), che ha deciso di esportare il know how Peroni verso tutti gli altri marchi del gruppo. Una scelta, quella di investire sul made in Italy, che paga, così come dimostra la crescita delle vendite di Peroni e Nastro Azzurro, birra tricolore più bevuta nel mondo.
Per quanto riguarda la prima, nell'anno fiscale 2011-2012 i ricavi sono saliti a 424 milioni dai 420 milioni dell'esercizio precedente, mentre Nastro Azzurro ha visto le vendite salire, con un ottimo +5% nel Regno Unito, mercato già molto florido per il brand. Performance dovute, oltre che alla qualità del prodotto, alla riduzione dei costi operativi di Peroni, scesi nel 2012 a 320 milioni e che permettono all'azienda di contribuire al Pil italiano con 1 miliardo e allo Stato di incassare tasse per 700 milioni. Il tutto generando un'occupazione complessiva pari a 19 mila lavoratori.
A spingere i conti hanno concorso anche i recenti piani di risparmio messi in campo da Peroni. In tre anni, dal 2009 al 2012, il birrificio ha progressivamente razionalizzato le rotte dei trasporti e migliorato la logistica del packaging, ponendo le vetrerie fornitrici di bottiglie a un massimo di 250 chilometri dagli impianti di riferimento. In questo modo sono stati risparmiati oltre 372 mila litri di carburanti e abbattute di 975 mila chilogrammi le emissioni di CO2. E dal punto di vista più strettamente ambientale, oggi il 97% dei rifiuti viene riciclato, con una riduzione del consumo di acqua ed energia rispettivamente di -7,4% e -6%.
«Credere nell'Italia», ha spiegato il Ceo di Birra Peroni, Roberto Jarrìn, «significa valorizzare la nostra presenza nel Paese, contribuendo alla crescita economica, restituendo ricchezza alle comunità locali in cui operiamo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 29/10/2012

Tag: