Logo ImpresaGreen.it

D-Link aderisce al Progetto Edison per l’efficienza energetica della PA

I kit Powerline di D-Link installati in un pionieristico progetto in Abruzzo per il risparmio di corrente elettrica degli edifici pubblici.

Redazione ImpresaGreen

D-Link ha preso parte insieme al partner O.Zone a un pioneristico progetto che ha visto la realizzazione di sistema d’illuminazione intelligente per edifici pubblici, nell’ambito dell’iniziativa “Energy Efficiency Building” e, in particolare, del progetto EDISON, finanziato dalla Comunità Europea.  
Il progetto EDISON (Energy Distribution Infrastructure for SSL Operative Network) – che coinvolge 14 Partner in 5 Paesi europei – ha l’obiettivo di dimostrare che un sistema di illuminazione intelligente basato su una Piattaforma Smart Energy (SEP) aumenta in maniera significativa l’efficienza energetica degli edifici, riducendo l’emissione di CO2 e permettendo elevati risparmi.  
Utilizzando misuratori wireless di energia, sensori, powerline, microcomputer, convertitori AC/DC, software di centralizzazione per il management remoto e lampade allo stato solido (SSLs), la piattaforma Smart Energy si propone di ridurre le perdite di energia favorendo un rilevante risparmio energetico, superiore al 15% in un anno.  
In particolare, il progetto ha riguardato le sedi dei Comuni abruzzesi di Manoppello, Lettomanoppello e Roccamontepiano, all’interno di alcune scuole materne, elementari e medie degli stessi Comuni.
L’azienda responsabile dell’installazione, O.Zone, ha deciso di inserire all’interno dell’architettura del network alcuni nodi semi-intelligenti in grado di trasferire in maniera bidirezionale, utilizzando la rete elettrica preesistente, i dati che arrivano dai sensori verso la piattaforma gestionale e i comandi che arrivavano dal software di management remoto verso i corpi illuminanti, opportunamente modificati per rispondere agli input.   In questo contesto, i PowerLine D-Link, integrati nelle centrali semiperiferiche (CPC Master), utilizzando la rete elettrica come mezzo trasmissivo, consentono agli amministratori di rilevare, anche da remoto, l’effettivo risparmio energetico ottenuto in ciascun edificio.  
La soluzione prescelta ha visto l’installazione di 30 kit PowerLine D-Link DHP-311AV – comprendenti ciascuno due adattatori PowerLine mini AV – in grado di operare in maniera simmetrica fra i microcomputers e il network diretto verso il centro e viceversa; l’ottimizzazione energetica può essere così gestita da remoto, attraverso il software di gestione e centralizzazione che monitora e registra, in tempo reale, i consumi delle centrali (Master e Slaves), o in locale attraverso la sensoristica in campo.  
È stato così possibile realizzare un nodo infrastrutturale robusto e resiliente all’interno di un ambiente semindustriale che porterà a una notevole riduzione del consumo annuale di energia elettrica degli edifici, pari a oltre il 60% degli attuali costi d’illuminazione elettrica, e a una drastica riduzione dell’emissione annuale di CO2.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 24/09/2013

Tag: