Logo ImpresaGreen.it

Huawei illustra le proprie strategie green nel Rapporto sulla Sostenibilità 2013

Huawei ha confermato l’impegno a sviluppare un Ciclo Globale degli Approvvigionamenti sempre più sostenibile.

Redazione ImpresaGreen

Huawei conferma l’impegno a sviluppare un Ciclo Globale degli Approvvigionamenti “green” al fine di rendere le proprie attività più sostenibili per l’ambiente. Il progetto pilota, che attualmente vede coinvolti 24 partner, sarà esteso gradualmente a più fornitori e l’attenzione all’ambiente diventerà un requisito fondamentale per i rapporti commerciali futuri.
Questa iniziativa è stata annunciata da Huawei in occasione della pubblicazione del Rapporto sulla Sostenibilità 2013, che evidenzia come l’azienda abbia ridotto il consumo di energia di ulteriori 42 milioni di kWh nel 2013, l’equivalente di 38.000 tonnellate di emissioni di carbonio. 
Alex Deng, Presidente del Corporate Sustainable Development Committee di Huawei “Per Huawei, non è sufficiente raggiungere ottimi risultati commerciali. Crediamo fermamente di dover fornire un importante contributo sociale in tutti i 170 paesi del mondo in cui operiamo, e intendiamo impegnarci a ridurre le nostre emissioni di carbonio, sensibilizzando anche i nostri clienti e partner della Supply Chain. Inoltre siamo  orgogliosi di essere stati in grado di garantire le connessioni di rete nel corso dei circa 200 eventi critici e disastri naturali avvenuti quest’anno”, ha commentato Alex Deng, Presidente del Corporate Sustainable Development Committee di Huawei. “La strategia di sostenibilità di Huawei si basa su quattro pilastri: colmare il Digital Divide, garantire operazioni di rete stabili e sicure, promuovere la tutela dell’ambiente e sostenere un modello di sviluppo vantaggioso per tutti”. 
Grazie al miglioramento dell’efficienza energetica dei più recenti prodotti Huawei, il consumo delle nuove apparecchiature di rete, nel 2013, è stato inferiore di circa il 10/40% rispetto al 2012. Huawei ha adottato i concetti fondamentali della sostenibilità durante l’intero ciclo di vita di tutti i propri prodotti e punta sulla continua innovazione per migliorarne l’efficienza energetica, con l’obiettivo di realizzare infrastrutture di comunicazione sostenibili.
Nel 2013, Huawei è stata eletta tra le 100 aziende “green” della Cina dal Chinese Entrepreneur Club e ha ricevuto un importante riconoscimento dalla United Nations Global Compact Network China per la gestione sostenibile del Ciclo degli Approvvigionamenti. 
Negli ultimi anni, Huawei ha stanziato ingenti investimenti per innovare e rendere sempre più sostenibili i propri prodotti; nel 2013, l’azienda ha destinato circa 5 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, gran parte dei quali volti al miglioramento delle prestazioni ambientali. In futuro, Huawei intende raccogliere tutte le opportunità offerte dall’’economia circolare’, nella quale i prodotti sono pensati fin dalla fase di progettazione per essere sempre più riciclabili. 
Nel 2013, Huawei ha perseguito il suo impegno a costruire un mondo sempre più connesso, cercando di garantire a 4,4 miliardi di persone, che non hanno ancora accesso alla banda larga, l’opportunità di accedere a questi servizi. “Abbiamo l’ambizione di costruire una società in cui la banda larga sia a disposizione di tutti e dove persone e dispositivi siano connessi tra di loro”, ha aggiunto Alex Deng. Durante il 2013, Huawei ha installato la propria soluzione SingleSite per fornire la copertura 2G a otto milioni di persone in aree remote del Nepal occidentale. Con i servizi vocali ora disponibili in queste zone, Huawei conta di fornire anche connettività a banda larga, garantendo accesso a servizi assolutamente innovativi.
In Nigeria, attraverso in stretta collaborazione con gli operatori locali, Huawei ha implementato nella capitale Lagos una rete LTE che riduce il costo di connettività 20GB per nucleo familiare da 80 dollari/mese a 35 dollari/mese, offrendo servizi a banda larga alla portata di molte più persone. Huawei ha, inoltre, continuato a investire nel suo programma di sviluppo di competenze digitali in tutto il mondo.
Nel 2013, l’iniziativa ‘Telecom Seeds for the Future’ è stata avviata in 23 paesi, coinvolgendo oltre 10.000 studenti. “Sappiamo che l’accesso a Internet cambia la vita delle persone e favorisce la conoscenza, l’istruzione e le opportunità di fare carriera. Huawei continuerà a collaborare con clienti, partner e istituzioni per colmare il Digital Divide”, ha concluso Alex Deng. 
Per scaricare il Sustainability Report 2013 di Huawei: http://www.huawei.com/en/about-huawei/sustainability/sustainability-report/index.htm.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 16/07/2014

Tag: