Confcommercio: per imprese del terziario bolletta sempre più salata

Indice costo energia di Confcommercio: elettricità +2,6% e gas +1,1%. Cresce il peso del fisco arrivato quasi al 60%.

Pubblicata il: 05/11/2015 10:09

Redazione ImpresaGreen

L'ICET, l'Indice di Confcommercio sui costi dell'energia (elettricità e gas), rileva nel IV trimestre, a seguito dell'ultimo aggiornamento delle condizioni economiche da parte dell'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, una crescita del costo dell'energia elettrica de 2,6% e del gas dell'1,1% rispetto al trimestre precedente.
Per l'elettricità (ICET-E), l'indice sale a quota 127,96 punti contro 124,61 del terzo trimestre 2015. L'incremento è in parte dovuto all'aumento estivo dei prezzi dell'energia che ha fatto registrare una variazione di +17% rispetto ai prezzi medi relativi al II trimestre del 2015 (Figura 1) dovuta ad un ridimensionamento dell'offerta di energia elettrica proveniente da fonte idrica e un aumento della domanda di energia elettrica.
A preoccupare particolarmente è la continua crescita degli oneri di sistema che, con un costo medio record di 80 €/MWh (dovuto all'aumento atteso di circa 2 miliardi che l'Autorità per l'energia imputa come costo di chiusura del meccanismo incentivante dei certificati verdi), raggiungono un'incidenza media sulla bolletta del 34%, quasi 5 punti in più rispetto a un anno fa, portando il peso complessivo delle componenti fiscali e parafiscali al 57,4% contro il 53,7% del 2014.  
Per il GAS (ICET-G), nel quarto trimestre 2015 l'Indice ICET-G sale a quota 116 punti contro i circa 115 del terzo trimestre 2015. A differenza di quanto si osserva sul mercato elettrico, nel gas naturale si evidenzia il sostanziale allineamento dell'evoluzione dei prezzi all'ingrosso della materia prima gas, misurati dalla componente Pfor (aggiornata e pubblicata trimestralmente dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas naturale e il sistema idrico, AEEGSI), con quella dell'indice di costo ICET-G (Figura 3). Nel quarto trimestre 2015 la riduzione del prezzo della materia prima (misurata dall'indice Pfor) è stata di -1,8 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Riduzione totalmente assorbita da un nuovo incremento dei corrispettivi destinati alla copertura degli oneri infrastrutturali pari a +5,8% rispetto al trimestre precedente (+13% tendenziale). 

Cosa ne pensi di questa notizia?