Geico abbatte i consumi energetici: -22% per scocca auto, grazie al progetto J-Hive

Sempre più vicino l’obiettivo dell’Energy Independence Day 2020 che prevede la realizzazione di un impianto di verniciatura autosufficiente, con taglio del 70% dei consumi ed il restante 30% con utilizzo di energie rinnovabili.

Pubblicata il: 01/03/2016 09:16

Redazione ImpresaGreen

Geico, azienda che opera nel settore degli impianti di verniciatura auto, abbatte i consumi energetici, raggiungendo un -22% sui consumi rispetto ad una soluzione tradizionale grazie all’innovativo progetto J-Hive, una cella ottagonale per la verniciatura delle scocche auto.
In questi anni, Geico ha investito moltissimo nell’innovazione, creando il “Pardis Innovation Centre”, un centro tecnologico d’eccelenza per la ricerca e sviluppo. L’obiettivo è quello di realizzare il primo impianto autosufficiente di verniciatura auto, entro il 16 giugno 2020, giornata dell’Energy Independence Day, istituita da Geico per presentare i propri risultati nel campo dell’innovazione sostenibile. 
Dall’avviamento del progetto, avvenuto nel 2005, quando un impianto bruciava circa 900 kWh/s, l’azienda ha raggiunto diversi traguardi importanti. Nel 2013, è stato inaugurato l’impianto di QOROS, in Cina, progettato e realizzato da Geico, dove i consumi si aggirano intorno ai 450 kWh/s. Ad oggi Geico è in grado di realizzare impianti che consumano 320 kWh per la verniciatura di ogni singola scocca.
Il progetto J-Hive consente l’utilizzo di un solo robot per la verniciatura sia all’interno che all’esterno della scocca e, grazie alla forma ottagonale, permette di ridurre lo spazio occupato dalla cabina di verniciatura, diminuendo l’aria presente al suo interno e abbattendo così i consumi energetici del 22%. Questo garantisce anche una diminuzione del footprint del 27%.
Il brevetto, presentato al Surcar di Shangai, la conferenza internazionale più importante nel mondo dell’automotive, si è aggiudicato l’Innovation Award 2015, il prestigioso premio conferito agli impianti più innovativi, a livello mondiale.

Cosa ne pensi di questa notizia?