Mitsubishi Electric lancia il suo nuovo piano ambientale

Mitsubishi Electric implementa piani ambientali triennali dal 1993, con l'obiettivo di divenire una tra le maggiori aziende "verdi" a livello mondiale.

Pubblicata il: 30/05/2018 15:49

Redazione ImpresaGreen.it

Mitsubishi Electric ha annunciato il lancio del suo nono piano ambientale triennale conforme a Environmental Vision 2021, una strategia ambientale a lungo termine che si conclude nel 2021, anno del centenario della fondazione di Mitsubishi Electric. Il piano è allineato a cinque dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG, Sustainable Development Goals) delle Nazioni Unite, tra cui energia economica e pulita (n. 7) e azione sul clima (n. 13).
Il piano si concentra sul raggiungimento dei target definiti in Environmental Vision 2021, tra cui la riduzione delle emissioni di gas serra e dell'utilizzo di risorse e così via in una prospettiva a medio e lungo termine basata sull'Accordo di Parigi e sulla previsione di future carenze idriche globali. 
Vediamo in sintesi i principali aspetti:

Riduzione dei gas responsabili dell'effetto serra
Entro la fine dell'anno fiscale a marzo del 2021, Mitsubishi Electric si prefigge di ridurre il totale annuale delle emissioni di gas serra, comprendenti anidride carbonica, esafluoruro di zolfo, perfluorocarburi e idrofluorocarburi, a 1,47 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti rapportandosi positivamente ad un benchmark di 2,64 milioni di tonnellate. Il benchmark si riferisce al dato relativo all'anno fiscale 1991 per le emissioni di anidride carbonica su base non consolidata; a quello relativo all’anno fiscale 2001 per le emissioni di anidride carbonica provenienti dalle affiliate con sede in Giappone e per le emissioni di altro tipo sia su base non consolidata che provenienti dalle affiliate con sede in Giappone; infine al dato relativo all'anno fiscale 2006 sia per le emissioni di anidride carbonica che per quelle di altro tipo dalle affiliate con sede al di fuori del Giappone. Oltre a sviluppare una roadmap dettagliata per una società a basse emissioni di anidride carbonica, Mitsubishi Electric intende stabilire un target su base scientifica (SBT) e convalidarlo mediante il team dell'iniziativa per i target su base scientifica (SBTi) entro l'anno fiscale 2020. Si prevede che gli sforzi per migliorare l'efficienza energetica dei prodotti del gruppo Mitsubishi Electric contribuiranno a ridurre in media del 35% le emissioni di anidride carbonica generate dall'utilizzo di questi prodotti.

Riciclo
Per promuovere l'uso efficiente dell'acqua, Mitsubishi Electric continuerà a controllare la quantità d'acqua utilizzata e scaricata e a ridurre l'utilizzo totale dell'acqua mediante il risparmio e il riciclaggio in 80 sedi operative in Giappone e nel resto del mondo. L'azienda ha stabilito un target di riduzione dell'intensità idrica per l'utilizzo totale di acqua dell'1% su base annua rispetto all'anno fiscale 2011. Sono inoltre previste iniziative di smistamento e riciclaggio dei rifiuti volte a raggiungere un tasso di smaltimento finale dei rifiuti inferiore allo 0,1% nelle sedi di Mitsubishi Electric e delle affiliate giapponesi e inferiore allo 0,5% nelle sedi delle affiliate fuori dal Giappone. Si prevede una riduzione dell'utilizzo di risorse al 40% del livello dell'anno fiscale 2001 grazie alla fabbricazione di prodotti più leggeri e compatti.

Conservazione della biodiversità
In tutti gli stabilimenti di produzione giapponesi, Mitsubishi Electric contribuirà alla conservazione della biodiversità. Le attività continuative includono la protezione delle specie endemiche, il controllo delle specie non indigene e la promozione di una vegetazione adatta agli ecosistemi circostanti. Tutte queste attività saranno conformi agli obiettivi di biodiversità Aichi e agli studi della fauna locale che saranno completati entro l'anno fiscale 2018. Attività volte a sensibilizzare il pubblico giapponese in ambito ecologico, come i corsi all'aperto di Mitsubishi Electric e il progetto di conservazione dei boschi Satoyama, hanno l'obiettivo di attrarre un totale complessivo di 51.000 partecipanti, rispetto ai 39.000 registrati fino a marzo 2018.

Gestione ambientale
Mitsubishi Electric ridurrà i rischi ambientali dei propri stabilimenti e migliorerà la gestione ambientale potenziando il monitoraggio delle norme e dei regolamenti in ambito ambientale, come quelli europei sulle sostanze chimiche, e sviluppando tecnologie allineate ai cambiamenti normativi in tutti gli stabilimenti al di fuori del Giappone.

Cosa ne pensi di questa notizia?