Energia, l'Italia firma la Dichiarazione di Tokyo sull’idrogeno

L'evento rappresenta una ulteriore tappa per promuovere la cooperazione in materia di ricerca, sviluppo e diffusione delle tecnologie dell'idrogeno.

Pubblicata il: 25/10/2018 14:38

Redazione ImpresaGreen.it

L’Hydrogen Energy Meeting, svoltosi a Tokyo il 23 ottobre 2018 e al quale ha partecipato, in rappresentanza del Governo italiano, il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Davide Crippa, è stata un’occasione di confronto fra delegati, rappresentanti di aziende private e associazioni provenienti dai principali Paesi impegnati nel settore dell'idrogeno.
A conclusione del vertice, i partecipanti hanno siglato all’unanimità la Dichiarazione di Tokyo, un documento in cui ministri e i delegati hanno confermato il valore della collaborazione nell’attuare un programma per un futuro energetico più pulito e sicuro, utilizzando l'idrogeno come fonte energetica, insieme alle altre rinnovabili, sia nella vita quotidiana che nei trasporti e nei diversi settori industriali.“Durante l’incontro e nel documento sottoscritto – ha dichiarato Crippa - abbiamo confermato la nostra convinzione che l'idrogeno possa contribuire in maniera determinante alla transizione energetica in corso poiché si tratta di una componente importante per avere un portafoglio energetico ampio, sicuro ed efficiente. 
Elementi imprescindibili per continuare su questo percorso – ha aggiunto il Sottosegretario –sono la ricerca e lo sviluppo congiunti a livello internazionale, la collaborazione sulle tecnologie, l’armonizzazione della regolamentazione, la condivisione delle informazioni e, infine, la comunicazione, l’educazione e la sensibilizzazione verso tutti gli attori che prendono parte a questo processo”.
Nel corso della sua visita in Giappone, il Sottosegretario Crippa ha inoltre partecipato ad un evento di promozione del Made in Italy, organizzato dall'Ambasciata in collaborazione con la Ferrari, ed ha poi incontrato i rappresentanti del Sistema Italia in Giappone e di aziende giapponesi attive nel settore energetico, con cui avviare possibili collaborazioni.

Cosa ne pensi di questa notizia?