È nato R_O_S, il primo sistema di monitoraggio del recupero dell'olio esausto

Ideato da RenOils, consorzio nazionale di raccolta e recupero di oli e grassi vegetali e animali esausti. Realizzato da In-Time, spin-off dell'Università Tor Vergata di Roma.

Pubblicata il: 08/11/2018 15:52

Redazione ImpresaGreen.it

Si chiama R_O_S (il Recycling Oils System di RenOils): è il primo sistema di monitoraggio per tenere sott'occhio l'intera filiera italiana del recupero dell'olio esausto. Una carta dettagliata e interattiva ideata da RenOils, consorzio nazionale di raccolta e recupero di oli e grassi vegetali e animali esausti, per ottimizzare la gestione della raccolta e del recupero e fornire alle Istituzioni di controllo una fotografia reale sempre aggiornata della filiera. Il sistema è stato realizzato da In-Time, spin-off dell'Università Tor Vergata di Roma.
R_O_S raccoglie attualmente i dati elaborati provenienti da 2.900 produttori di oli esausti e da 30 aziende, mettendo in rete le 12mila tonnellate di oli ad oggi avviati a recupero e le 6,1mila tonnellate di oli destinati allo stoccaggio. Il monitoraggio consente di suddividere le quantità complessivamente raccolte per intervallo di tempo, tipologia di rifiuto, luogo di produzione, tipo di produttore, tipologia di raccoglitore, modalità di trattamento.
Nonostante sia un prodotto naturale, se smaltito in modo scorretto l'olio esausto può generare diversi problemi dal punto di vista ambientale ed economico: può intasare condutture e depuratori, inquinare i pozzi di acqua potabile rendendoli inutilizzabili (ne basta un solo litro per danneggiare un milione di litri d'acqua), creare una pellicola superficiale su terreni e corsi d'acqua che impedisce l'ossigenazione e il nutrimento di flora e fauna. Basta un chilo di olio vegetale esausto a inquinare una superficie d'acqua di 1.000 mq. Un corretto recupero, al contrario, produce valore: si stima infatti che 100 kg di olio vegetale avviati a riciclo equivalgano a 65 kg di olio lubrificante base rigenerato e 20/25 kg di biodiesel.

Cosa ne pensi di questa notizia?