Logo ImpresaGreen.it

Trattenere oli e idrocarburi rispettando l'ambiente: arriva il nuovo assorbente Oil Free

Limitare la diffusione di oli e idrocarburi, ma senza utilizzare elementi chimici aggressivi e rispettando l'ambiente: con questo obiettivo l'italiana Airbank lancia sul mercato italiano Oil Free, il nuovo assorbente in polvere o in granulo.

Redazione ImpresaGreen

Airbank ha presentato in Italia Oil Free, un nuovo prodotto assorbente in grado di rispettare l'ambiente, garantire la sicurezza sul lavoro e limitare i costi in fase di approvvigionamento e di smaltimento. Creato per assorbire e limitare le perdite di oli e idrocarburi avvenuti al suolo, Oil Free è disponibile sia in polvere, indicato per gli ambienti chiusi, che in granuli, pensato invece per sversamenti all'aperto dove è necessario un prodotto che non venga disperso dal vento. Rispettando la Specifica Tecnica UNI CEN/TS 15366/2010 relativa ai prodotti granulari da spargere per l'assorbimento di idrocarburi, oli minerali e liquidi similari, è l'ideale anche su superfici stradali o aree di transito. Soprattutto, Oil Free è di facile impiego, perché è sufficiente spargerlo sulla perdita e rimescolarlo, possibilmente utilizzando una scopa, per restituire una superficie perfettamente pulita pochi secondi dopo l'intervento. È, inoltre, idrorepellente e dotato di una grande capacità di assorbimento: bastano infatti 50gr di polvere o granuli per assorbire fino a 100gr di olio. Oil Free, infine, è realizzato con schiuma poliuretanica riciclata, senza l'utilizzo di ingredienti chimici aggressivi, sostituendo così segatura, stracci e detergenti comuni. "Airbank ha da sempre a cuore la sicurezza sul luogo di lavoro e il rispetto dell'ambiente", afferma Gloria Mazzoni, General Manager di Airbank. "Il nuovo Oil Free non solo rispetta questi nostri valori, ma garantisce anche un'alta efficienza e un elevato risparmio per le aziende".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 23/12/2019

Tag: