Logo ImpresaGreen.it

Kaspersky: aumentano attacchi informatici contro l’industria petrolifera e del gas

Questa crescita si è verificata nel momento in cui la percentuale degli attacchi rivolti ai computer dei sistemi di controllo industriale (ICS) della maggior parte dei settori è diminuita, in quanto i criminali informatici hanno spostato la loro attenzione sulla distribuzione di minacce più mirate.

Redazione ImpresaGreen

Secondo un recente report di Kaspersky, nei primi sei mesi del 2020, la percentuale degli attacchi rivolti ai sistemi di building automation e del settore dell’oil&gas è aumentata rispetto a quanto rilevato nel primo e secondo semestre del 2019.
Gli attacchi contro le organizzazioni industriali possono essere particolarmente ingenti, sia in termini di interruzione della produzione che di perdite finanziarie. Inoltre, gli attacchi contro le imprese industriali sono diventati più mirati e sono organizzati da sofisticati autori di minacce che dispongono di ampie risorse e i cui obiettivi includono non solo il profitto, ma anche il cyberspionaggio. Durante lo scorso inverno, in primavera e a inizio estate, le industrie più esposte agli attacchi sono state quelle in ambito building automation e dell’industria petrolifera e del gas. Gli attacchi contro questi ultimi hanno il potenziale per essere particolarmente devastanti, considerate le ingenti perdite finanziarie già subite a seguito della recente pandemia.
Nel settore della building automation, la percentuale di computer ICS su cui sono stati bloccati oggetti malevoli è passata dal 38% nella seconda metà del 2019 al 39,9% nel primo semestre del 2020, mentre è aumentata dal 36,3 al 37,8% nel settore del petrolio e del gas. I sistemi di building automation tendono a essere frequentemente esposti ad attacchi. La loro superficie di attacco è spesso superiore rispetto a quella dei tradizionali computer ICS perché sono generalmente collegati alle reti aziendali e a Internet. Al contempo, poiché di norma appartengono a organizzazioni appaltatrici, questi sistemi non sono sempre gestiti dal team di sicurezza informatica dell'azienda, e questo li rende un bersaglio più vulnerabile.  
La crescita della percentuale di computer ICS attaccati nell'industria petrolifera e del gas può essere ricondotta allo sviluppo di una varietà di worm (programmi malevoli che si auto replicano sul dispositivo infetto) creati con linguaggi di scripting, in particolare Python e PowerShell. Questi worm sono in grado di raccogliere le credenziali di autenticazione dalla memoria dei processi di sistema utilizzando diverse versioni della utility Mimikatz. Dalla fine di marzo a metà giugno 2020 è stato rilevato un numero considerevole di questi worm, soprattutto in Cina e in Medio Oriente.
L'aumento della percentuale di sistemi ICS attaccati nei settori dell'oil & gas e della building automation è stato la sola eccezione della prima metà del 2020: la percentuale di sistemi attaccati nella maggior parte degli altri settori, infatti, è diminuita. Gli attaccanti hanno perso interesse per gli attacchi di massa e hanno scelto di distribuire minacce più mirate, tra cui backdoor (pericolosi Trojan che ottengono il controllo remoto del dispositivo infetto), spyware (programmi malevoli progettati per esfiltrare dati) e attacchi ransomware (che tendono a prendere di mira imprese specifiche). Difatti, sui computer ICS sono stati rilevate e bloccate numerose famiglie di backdoor e spyware progettate sulla piattaforma .NET.
La percentuale di computer ICS colpiti da ransomware è leggermente aumentata nel primo semestre del 2020 rispetto al secondo semestre del 2019 in tutti i settori industriali, ed è stata inoltre rilevata una serie di attacchi contro strutture sanitarie e industrie.
"La percentuale di computer ICS attaccati nella maggior parte dei settori industriali è in calo. Tuttavia, ci sono ancora delle minacce da affrontare. Quanto più gli attacchi sono mirati e sofisticati, tanto maggiore è la probabilità che possano causare danni significativi, anche se si verificano con minore frequenza. Inoltre, poiché molte aziende sono state costrette a lavorare da remoto e ad accedere ai sistemi aziendali da casa, i sistemi ICS sono stati inevitabilmente più esposti alle minacce informatiche. La riduzione del personale incaricato a rispondere e a mitigare un attacco ha comportato, in alcuni casi, conseguenze più devastanti. Le infrastrutture dei settori oil&gas e building automation rappresentano un bersaglio privilegiato per gli attaccanti, perciò è fondamentale che adottino ulteriori precauzioni di sicurezza", ha dichiarato Evgeny Goncharov, esperto di sicurezza di Kaspersky.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 28/09/2020

Tag: