Enel avvia la produzione dell’impianto eolico di Morro do Chapéu Sul in Brasile

Morro do Chapéu Sul, nello stato di Bahia, comprende sei parchi eolici e sarà in grado di produrre oltre 830 GWh all’anno.

Pubblicata il: 20/02/2018 16:21

Redazione ImpresaGreen.it

Enel, attraverso la controllata per le rinnovabili brasiliana Enel Green Power Brasil Participações (EGPB), ha avviato la produzione dell’impianto eolico Morro do Chapéu Sul, che ha una capacità installata totale di 172 MW ed è ubicato nei comuni di Morro do Chapéu e Cafarnaum, nello stato nord-orientale di Bahia in Brasile.
Enel ha investito circa 380 milioni di dollari USA nella costruzione dell’impianto, nel quadro degli investimenti previsti nell'attuale piano strategico, usando risorse proprie del Gruppo Enel e un finanziamento a lungo termine erogato dalla Banca di sviluppo brasiliana (BNDES).
Morro do Chapéu Sul è composto da sei parchi eolici, con una capacità installata totale di 172 MW: Ventos de Santa Esperança (28 MW), Ventos de Santa Dulce (28 MW), Ventos de São Mário (30 MW), Ventos de São Paulo (28 MW), Ventos de São Abraão (28 MW) e Boa Vista (30 MW). L’impianto, che è proprietà di quattro società veicolo (SPV) detenute da EGPB, sarà in grado di generare a regime oltre 830 GWh all'anno.
Quattro dei parchi eolici sono supportati da contratti di fornitura energetica ventennali stipulati con un pool di società brasiliane di distribuzione di energia elettrica, mentre gli altri due parchi eolici (Ventos de São Abraão e Boa Vista) saranno supportati da un contratto di acquisto ventennale (PPA) siglato sul mercato libero per l’energia.
In Brasile il Gruppo Enel, tramite le controllate EGPB ed Enel Brasil, ha una capacità installata totale in rinnovabili di circa 2,8 GW, di cui 842 MW da fonte eolica, 716 MW da solare fotovoltaico e 1.270 MW da fonte idroelettrica, oltre a 103 MW di capacità solare attualmente in costruzione. La società ha inoltre recentemente ottenuto contratti per una capacità totale rinnovabile di oltre 1 GW nelle gare brasiliane A-4 e A-6.

Cosa ne pensi di questa notizia?