BTS Biogas sigla un doppio accordo in Argentina

A ottobre 2018 primi due cantieri BTS in Argentina. I progetti sono finanziati dal Banco Itaú, nell’ambito del Programma Nazionale delle Energie Rinnovabili.

Pubblicata il: 21/09/2018 15:17

Redazione ImpresaGreen.it

BTS Biogas ha firmato i primi due contratti per la costruzione in Argentina di impianti di biogas da sottoprodotti agricoli, nell’ambito del programma di sviluppo delle energie rinnovabili chiamato Plan RenovAr
Proprietario degli impianti è Seeds Energy Group, leader nello sviluppo delle energie rinnovabili in Argentina, con un investimento di 22 milioni di dollari. La costruzione degli impianti è sostenuta attraverso un finanziamento del Banco Itaú, la più grande banca privata dell’America latina. 
Il primo impianto sorgerà nella città di Pergamino, nel nord della provincia di Buenos Aires, e avrà una potenza installata di 2,4 MWe (Mega Watt elettrici).
Il secondo impianto sarà a 140 km di distanza, a Venado Tuerto, nel sud della provincia di Santa Fe, con una potenza di 2,0 MWe. Entrambi gli impianti godranno di una tariffa ventennale per l’energia elettrica immessa in rete, e saranno alimentati con sottoprodotti della lavorazione agroindustriale e altre biomasse di origine vegetale e animale. Particolare attenzione sarà dedicata ai pretrattamenti, con una triturazione e omogeneizzazione meccanica dei substrati per ottimizzare la produzione di metano e la facilitare la movimentazione della biomassa nei fermentatori. 
Pergamino e Venado Tuerto sono città di 104.000 e 85.000 abitanti situate nel cuore agroindustriale del Paese. I due impianti biogas saranno i primi costruiti in questi territori, con grande interesse da parte delle autorità municipali anche in ragione dei posti di lavoro generati.
L’Argentina è il quinto maggior produttore di mais, con una previsione per il 2018-2019 di 6,6 milioni di ettari coltivati e 43 milioni di tonnellate di prodotto commercializzabile, ed è il terzo maggior produttore di soia, con 19,6 milioni di ettari e 50 milioni di tonnellate. 

Cosa ne pensi di questa notizia?